in

Simone Santoro si ribella: “Youtube è un sito di merda: demonetizzano i miei video, ma io con questo lavoro ci pago l’affitto”

Youtube fa Cagare è il nome del canale di Simone Santoro, lo youtuber che ora – di fatto – ribadisce il concetto con uno sfogo in piena regola pubblicato sul suo canale. Simone di solito si occupa dei fenomeni trash del tubo in maniera ironica e divertente, ma stavolta il tema del suo video è un altro: la demonetizzazione (come aveva già fatto Muriel qualche settimana fa).

“Sono incazzato nero e tanto tanto tanto contrariato. Questo video è senza tagli, senza montaggio e senza il minimo impegno da parte mia. Non per mancanza di rispetto nei vostri confronti ma come segno di protesta contro questo sito di merda chiamato Youtube. Sono tre giorni che sto combattendo contro Youtube stesso affinché approvi la monetizzazione per un video registrato un bel po’ di giorni fa. Questo video, che dura 21 minuti, è dedicato allo Youtuber più falso del web”.

Ma quindi Youtube fa Cagare pensa solo ai soldi e al profitto? “Io penso anche ai soldi e al profitto, sì, poiché grazie a questo canale che ho riesco a fare una vita indipendente e a pagarmi l’affitto“. Santoro ha anche parlato di come la demonetizzazione crei un handicap al canale.

https://www.youtube.com/watch?v=hlt_lbIqaz4

Youtube Fa Cagare e la demonetizzazione: cos’è e perché succede?

Quando un video viene “demonetizzato”, lo youtuber colpito perde la possibilità di guadagnare. Per chi fa questo lavoro di professione, è senza dubbio un “danno”: significa lavorare gratis. La “demonetizzazione” dei video su Youtube è iniziata nel 2012, grazie alla creazione di un algoritmo che esamina i metadati e alcuni fattori dei contenuti come il linguaggio e gli argomenti trattati. Ovviamente i video a tema h0t non ottengono la monetizzazione: questa scelta è stata decisa per tutelare gli investitori pubblicitari, che non vogliono accostare il loro marchio a prodotti (più o meno) spazzatura.

One Comment

Leave a Reply

One Ping

  1. Pingback:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *