in

I Weedy insultati e picchiati in strada da un gruppo di molestatori – ecco cosa è successo a Valerio e Luisa

Valerio Lagnese e Luisa Russo sono stati aggrediti da alcuni ragazzi in moto che hanno prima insultato la ragazza, poi picchiato Valerio.

Valerio Lagnese e Luisa Russo aggrediti
Valerio Lagnese e Luisa Russo aggrediti

Valerio Lagnese e Luisa Russo di Weedy sono stati aggrediti in strada mentre stavano andando a fare la spesa. Il ragazzo ha postato una foto su Instagram per mostrare cosa gli fosse successo. Tutto è partito da un gruppo di ragazzi in moto che hanno fischiato a Luisa e che poi si sono avvicinati. Valerio ha cercato di allontanarvi ma è stato picchiato. Ecco cosa ha raccontato:

Faccio questo post perché oggi è successa una cosa a me e Luisa che non dovrebbe essere più ammissibile. Stavamo andando a fare la spesa insieme come tutte le settimane quando la nostra attenzione è stata richiamata da un gruppo di ragazzi che prima hanno fischiato a Luisa e poi hanno iniziato a chiamarla con degli aggettivi che preferisco non ripetere, poi si sono avvicinati a Luisa ed a quel punto gli ho chiesto con calma di allontanarsi. A quel punto uno di loro mi ha colpito allo stomaco e mi hanno spintonato a terra provocandomi lacerazioni sulla faccia e sulla mano.

Valerio Lagnese e Luisa Russo hanno deciso di postare il tutto sui social non solo per mostrare cosa gli fosse accaduto. I due ragazzi volevano sottolineare come anche dei fischi che potrebbero sembrare innocui possano trasformarsi in una situazione pericolosa. All’inizio infatti avevano ignorato ciò che stavano facendo i ragazzi in moto finché questi non si sono avvicinati. Alla fine del post Valerio ha infatti scritto:

Faccio questo post per farvi capire che anche un piccolo fischio non dovrebbe essere preso alla leggere perché spesso può trasformarsi in qualcosa ben più grave. Non riesco neanche ad immaginare che cosa sarebbe potuto succedere se questa mattina Luisa fosse uscita da sola, rimango sempre più disgustato.

[FOTO: Instagram]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *