in

[TW] Virginia Montemaggi parla dei suoi disturbi alimentari: “Così sono uscita dal binge eating”, di che si tratta?

L’importante video di Virginia Montemaggi sui disturbi alimentari: ecco cosa ha detto

Virginia Montemaggi
Virginia Montemaggi

È un video personale, delicato e importante quello che Virginia Montemaggi ha pubblicato su YouTube ieri 3 agosto. La creator (5.3 milioni di follower su TikTok) si è lasciata andare ad un lungo racconto in prima persona sui disturbi alimentari, tema già affrontato in passato dalla stessa:

Non è semplice mettere in ordine le idee però adesso lo farò, mi avete richiesto tantissimo questo video su TikTok, specialmente da quando ho perso qualche chiletto. Premessa: è una semplice chiacchierata sul binge eating disorder. In sostanza si tratta di abbuffate più o meno sostanziose che possono avere più cause che li scaturiscono. Ti ritrovi a mangiare senza controllo. Sapete quante volte è capitato che andavamo a mangiare fuori, con amici e prendevo un’insalata, poi tornavo a casa e mi ordinavo la pizza, il cinese etc.

Poi ancora lei ha raccontato:

La cosa più rognosa è che viene vista come una mancanza di controllo e poi spesso non c’è un fattore fisico, come magari nell’anoressia, anche se parliamo soprattutto di meccanismi mentali. Io ho sempre mangiato, fin da piccola, schifezze, tutto. Però dall’altra parte avevo mia mamma – anche se non voglio darle la colpa – che cercava di bloccarmi che io prendessi peso e mi sentissi a disagio. Quindi magari mi nascondeva le patatine, la Nutella. Se le trovavo, le prendevo e le nascondevo sotto al letto, l’ho fatto per anni. Per me è sempre stata una cosa sbagliata, da nascondere, da non fare in pubblico… mamma ti voglio bene però non era carino.

Virginia Montemaggi: “A giugno 2021 la cosa è degenerata, ecco cosa è accaduto”

Virginia ha continuato il suo discorso, parlando di come il suo disturbo alimentare si sia sviluppato a partire dall’inizio dell’ultimo anno di scuola media, fino a prendere vigore con l’arrivo alle superiori. Ecco cos’ha detto a proposito del suo bing eating disorder, abbuffate incontrollate di cibo in poco tempo.

Arriviamo alla terza media, ero magrissima. Estate della seconda media ho sviluppato, sono formosa. Non mi pesava neanche troppo, l’unica persona che me lo fece pesare fu l’insegnante di danza. Si parlava sempre di questi chili di perdere. Poi, in terza media, mamma mi propone di andare da un nutrizionista per perdere peso, sinceramente io non ero d’accordo. Mi sentivo in imbarazzo. Sono andata una volta, mi ha dato la dieta ma non l’ho mai seguita quindi ho iniziato a fare di testa mia, ma non ci capivo molto.

Il momento cruciale arriva quando io ingrasso alle superiori. Non ero troppo carina e mia madre decide di portarmi da un altro nutrizionista ma in quel caso ero d’accordo perché stavo molti pomeriggi in casa da sola, invece di studiare io mangiavo. Mi ricordo lo studio, freddo, lui che era una me**a, mi pesò. Mia madre rideva”, ha raccontato. Virginia ha raccontato di non essersi trovata bene con lo specialista perché poco empatico e di aver rinunciato a tante cose per perdere chili:

Ho rinunciato a tante cene ed esperienze, pur di perdere questi cavolo di chili ma non per quello che sentivo io ma per quello che dicevano gli altri. La mia alimentazione era sballata fino a quando piano piano ho ripreso il peso, mi sono fidanzata e per la prima volta mi sentivo che stavo bene. Ero bella, fine. Da quando ci siamo lasciati è stato tremendo.

La creator ha aggiunto di aver toccato il culmine delle difficoltà con l’università e poi a giugno 2021. Sempre a casa da sola, Virginia mangiava senza controllo:

Facevo quello che non avevo mai fatto: mangiare tanto senza avere nessuno che mi controllasse. Ho iniziato a ingrassare tanto, poi a giugno 2021 la cosa è degenerata. Mi si erano anche bruciati i capelli, non avevo un briciolo di autostima. Ad un certo punto ho iniziato a svegliarmi e a sistemarmi piano piano.

La svolta è arrivata invece con l’aiuto di un’esperta nei temi dei disturbi alimentari, che ha permesso a Virginia di togliersi di dosso la vergogna di uscire di casa, di parlare coi ragazzi, di farsi vedere. Fondamentale per lei è stato un diario alimentare in cui scriveva ogni giorno cosa mangiava, per quale motivo e quale sensazione provava. Il consiglio tuttavia è di rivolgersi sempre ad un esperto, che in base al singolo caso saprà consigliare il percorso migliore. Qui il link al video.

[FOTO: YouTube]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.