in

Vincenzo Tedesco, discriminato a lavoro perché gay: “Una cliente non ha voluto che la servissi”

Vincenzo Tedesco torna su Instagram. Dopo qualche giorno di assenza, il noto YouTuber ha pubblicato una serie di nuove Storie in cui ha spiegato il motivo della pausa. Oltre agli impegni che gli hanno portato via tempo, Vincenzo ha raccontato di essere stato giù di morale per via di un episodio avvenuto sul posto di lavoro.

Oltre ad essere una star del web, Vincenzo lavora per la famosa catena di profumerie Sephora da circa quattro anni. Quattro anni sereni, che Vincenzo ha raccontato sui suoi social sempre col sorriso. Cordiale e gentile, come si mostra nei suoi video comici, ha sempre avuto un ottimo rapporto con i clienti. Negli scorsi giorni, invece, qualcosa è andato storto. Vincenzo ha raccontato di aver accolto nel negozio una signora, che sin da subito ha dimostrato diffidenza nei confronti del ragazzo. Dopo aver rifiutato l’aiuto del commesso, senza nemmeno proferire parola, la signora ha cercato sostegno in altre ragazze. Al momento del pagamento, tuttavia, la signora ha trovato in cassa proprio Vincenzo a servirla. Pronto il suo commento verso le altre commesse del negozio: “Non potete farmi pagare voi? Lui è un maschio“.

Vincenzo Tedesco ha allora sottolineato nelle Stories di Instagram che la signora aveva fatto riferimento non tanto al sesso, quanto al suo orientamento sessuale:

La signora intendeva che io ero gay e non voleva essere servita da me. Non voleva che le toccassi prodotti perché gay. Nel caso, signora, avevo la mascherina, magari pensava che potessi contagiarla! Disinfetto anche le mani: pensava che toccando i prodotti potesse diventare omosessuale?[…] Con tutto ciò che ho visto nella mia vita, questo mi fa ridere e sorridere.

Alla fine, Vincenzo ha deciso anche di salutare la cliente, una volta che aveva concluso lo shopping. Lei non si è degnata di uno sguardo e se n’è andata. Anche se verbale o suggerita da comportamenti, questa è omofobia. Inaccettabile nel 2020.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *