in

Vincenzo Cairo, “Parlerò di te” è la sua nuova canzone – ecco a chi l’ha dedicata e l’audio!

Oggi a mezzanotte è uscita “Parlerò di te”, la nuova canzone di Vincenzo Cairo. Ecco cosa sappiamo e a chi l’ha dedicata…

L’amore tra due persone è uno dei sentimenti più belli, rari e profondi che proviamo. Lo sa bene il creator e cantante romano Vincenzo Cairo, che parla proprio di amore nella sua nuova canzone, uscita alla mezzanotte di venerdì 3 dicembre. Il brano si intitola “Parlerò di te” e, come ha raccontato Vincenzo nel suo ultimo post Instagram, è uscito proprio il 3 dicembre perché è il giorno in cui nacque suo nonno. “La canzone è come se fosse una canzone per mia nonna, fatta da mio nonno“, ha scritto Vincenzo Cairo.

Una canzone che parla quindi dell’amore eterno di due persone care a Vincenzo Cairo, tornato a cantare dopo i successi di Come lo spieghi e Dimmi. Anche la mamma di Vincenzo ha scritto sui social un tenero messaggio sul brano. Come condiviso dal figlio su Instagram, la signora ha commentato la cover, che mostra proprio i due signori:

L’inizio di una storia durata 50 anni e mi piace dire mai finita. Ho sempre pensato che se mi avessero chiesto di dare un volto alla felicità, a un momento di assoluta, perfetta felicità, avrei scelto questa foto.

“Parlerò di te” è un brano malinconico e romantico allo stesso tempo. Vincenzo ha voluto descrivere l’amore forte e duraturo dei suoi nonni, fotografati nella copertina quando erano molto giovani i nonni. Ecco il messaggio intenso scritto da Vincenzo su Instagram:

Questi due ragazzi sono i miei nonni in una delle loro prime uscite. È magico pensare come, a distanza di così tanto tempo, esista ancora un frammento, un attimo, che testimoni la felicità che provavano quel giorno. Tanta gente si è amata da allora, e tanta altra gente si amerà, ma spesso mi chiedo “chissà che fine fanno tutte le storie” come la loro una volta che non c’è più nessuno a ricordarle. “Parlerò di te” racconta di tutte quelle “storie senza un tempo” e della paura di perdere una persona che ci è cara. Mia nonna mi ha lasciato che ero ancora piccolo, mentre mio nonno se ne è andato qualche anno fa. Ricordo che alla mia domanda “ma tu sogni mai la nonna?” lui mi rispondeva “la sogno ogni notte”.

Noi stiamo già coi fazzoletti pronti per piangere tutte le lacrime del mondo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *