in

Su Twitch non si potranno fare più reaction ai programmi di Mediaset: ecco perché!

Il tribunale di Roma ha ordinato a Twitch di rimuovere tutte le reaction ai programmi Mediaset. Ecco cosa rischia la piattaforma viola e cosa rischiano gli streamer.

Twitch
Twitch

Vi piacciono le reaction su Twitch dei programmi televisivi? Allora la notizia che vi stiamo per dare vi rovinerà la giornata. Il tribunale di Roma ha ordinato alla piattaforma viola di rimuovere tutti i filmati caricati “illecitamente” relativi ai programmi Mediaset Amici e L’isola dei famosi. L’ordinanza, che ha effetto immediato, è estesa anche agli altri reality e talent di Canale 5 e Italia 1. Ciò vuol dire che non si potranno più commentare programmi come Grande Fratello Vip e La pupa e il secchione. Si legge:

Con il decreto 20859 del 1° aprile 2021, l’Autorità giudiziaria conferma così che la piattaforma statunitense ha pubblicato opere tutelate dal diritto d’autore senza la necessaria autorizzazione. Twitch Interactive, si legge nel provvedimento, è hosting provider attivo che come tale non si può giovare del regime di responsabilità previsto dalla Direttiva 2000/31 e dal decreto 70/2003

Che cosa significa in parole povere? Semplicemente che gli streamer non avevano il permesso di utilizzare le immagini dei programmi di Mediaset per i loro video. Dato che l’hanno fatto, hanno infranto la legge. La responsabilità al momento è di Twitch che li ha lasciati fare. Ora, se non provvede immediatamente a rimuovere i video già pubblicati, rischia di dover pagare 15.000 € per ogni giorno di ritardo.

Per evitare di pagare ulteriori 15.000 € per ogni violazione, la piattaforma viola bannerà momentaneamente o permanentemente lo streamer che usa i video di Mediaset.

La decisione lascia un po’ l’amaro in bocca, perché penalizza gli utenti. Va detto che è un sacrosanto diritto di Mediaset tutelare i propri contenuti e, magari in futuro, ingaggiare qualche creator per fare le reaction sulla propria piattaforma, Mediasetplay. Non si capisce, però, perché la società di Cologno Monzese abbia deciso di colpire solo Twitch, quando i suoi video sono pubblicati su qualsiasi piattaforma, da YouTube a Twitter.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *