in

“Hai vinto, clicca sul link!”, la truffa è virale nei commenti su Instagram – ecco come evitarla!

“Hai vinto, clicca sul link!”, nei commenti spopola la nuova truffa, a pochi giorni dal Natale: come evitare di cascarci?

Qualche giorno fa vi abbiamo messo in guardia da una delle ultime truffe che stanno spopolando sui nostri telefoni e su Instagram. Vi ricordate? Parliamo di quell’SMS in cui ci viene rivelato che un nostro pacco è stato trattenuto presso un centro di spedizione e ci viene suggerito di cliccare sul link per ottenere maggiori informazioni. Messaggi di spam da evitare per incorrere nella truffa. Ma non l’unica da cui dobbiamo stare lontano…

In questi giorni, su Instagram, molti utenti vengono taggati in commenti particolari, che fanno gola a pochi giorni dal Natale. “Hai vinto un iPhone Pro Max, clicca sul link“, ad esempio, con tante emoji di dita che puntano in giù e in su ad un profilo che riporta ad una pubblicità ingannevole. Come sottolineano sempre gli esperti di sicurezza informatica della Polizia Postale, “nessuno regala nulla, men che meno online”. Che cosa si rischia se si clicca su link di dubbia provenienza, invogliati dal presunto regalo? Di cedere dati importanti come le nostre informazioni biografiche, i nostri codici delle carte (o quelle dei nostri genitori) e l’intera lista dei nostri amici! E chissà quante altre cose1

Come evitare di finire vittime di queste truffe su Instagram? Intanto bisogna diffidare da promesse di premi in denaro, buoni acquisti e di prodotti carissimi a prezzo stracciato. Poi bisogna prestare attenzione ai nomi dei profili, che spesso risultano strani e privi di senso. Come suggerito sempre dalla Polizia Postale, inoltre, quando vi viene proposto di cliccare suo shortlink (insomma, un link breve in cui non si riconosce su quale sito si va a finire), potete usare servizi che ci permettano di “mostrare” la natura di quei siti. Inoltre, quando venite taggati da questi profili, è necessario segnalare il commento per spam e bloccare definitivamente l’utente (generalmente un bot) che ci ha taggato. Forse solo così riusciremo a risolverla!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *