in

Triller diventerà il nuovo TikTok? Ecco cos’è e come funziona l’app che sta conquistando anche l’Italia

Triller App
Triller App

Triller: da qualche giorno anche in Italia si sente parlare della app americana che farebbe il verso alla ben più famosa TikTok. Dopo la messa al bando di quest’ultima, in India la app è diventata la più scaricata del mese. Negli Stati Uniti alcuni dei più importanti tiktoker stanno collaborando con la società produttrice per migliorarla e starebbero pensando di utilizzarla al posto di TikTok. Cerchiamo di capire meglio in cosa consiste.

Cos’è Triller?

Triller è una piattaforma social d’intrattenimento in cui gli utenti possono creare e condividere i propri film, ovvero progetti video o video musicali. E’ una sorta di TikTok versione americana, perché ti consente di scegliere un brano per farne il lip sync o di fare un video con effetti speciali, tappeto sonoro e scritte. Una volta ultimati i progetti possono essere condivisi con altri utenti e su altre piattaforme (direttamente su Facebook, Instagram, Twitter e Whatsapp, e attraverso il link su tutte le altre).

Come si usa

Dopo aver scaricato la app sullo smartphone, aver effettuato la registrazione, scritto la tua bio (e, volendo, ricercato amici di Facebook che usano Triller) puoi iniziare a creare i tuoi progetti, partendo da Music Video (scegli la musica e crea il video) o Social (crea il video da zero).

Se si parte da Music Video, la prima cosa che viene richiesta è la scelta della canzone (si può cercare in base all’artista, alla canzone, al genere musicale, o semplicemente scegliendo quelle delle challenge). Successivamente bisogna registrare il video e aggiungere gli effetti speciali. Se si inizia da Social, prima va creato il video, con scritte, emoji ed effetti speciali, poi la canzone (o si può tenere l’audio originale).

Una volta creato il video si deve scrivere la descrizione (massimo 140 caratteri) e, cosa inedita rispetto a TikTok, scegliere la categoria in cui includere il proprio lavoro. Le opzioni sono: Active, #BLM, Comedy, Dance, Fitness, Gaming, Indie, Lifestyle, Music, Stay at Home e Vlog.

Attenzione: come su TikTok anche su questa app si possono fare video completamente originali o prendere parte alle challenge proposte.

Si può anche non creare video e gustarsi quelli altrui. Anche in questo caso la app distingue due macro tipologie di video (una sorta di “Per Te” di TikTok): la Music e la Social. Nella prima ci sono i lip-sync e i balletti, mentre nella seconda ci sono tutti gli altri generi.

Triller e gli influencer

Tra le star che usano questa app ci sono numerosi artisti e influencer americani, da Griffin Johnson a Josh Richards, da Wiz Khalifa ad Alicia Keys, da Justin Bieber a Mariah Carey, da Mike Tyson a Noah Beck, da Dillon Francis a J Balvin, dalla Flighthouse a The Weeknd, da Kevin Hart a Selena Gomez, da Charlie Puth a Russell Simmons.

Anche gli italiani hanno i propri Filmer (i creator di Triller), provenienti dal mondo della musica, di TikTok e di Instagram. Tra gli altri, sono già sulla piattaforma Denis Dosio, Emanuele Aloia, Drefgold, Ace, Boro Boro, Andrea Graniero, Giulia Penna, Jeson Gagliani, RoberryC, Gabriele Corio, Lady Giorgia, Maryna, Leonardo Decarli, Dark Polo Gang, Jacopo Aquila, Edoardo Ontano, Ylenia D’Emidio, Mery D’Amaro, Elxx, Carrieblak, Peppe Cirivello, Chiara and Nicole, Andrea e Veronica, Martina Arienti, Gabriel Zanaga, Debora Conigliaro, Taha_fluss, Taxi_bi, Elena Moisei Martina Rossi, Federico Gastoldi, Elisa Barranu, Fabriciano, Bl4ir, Giada Ferrari, Alex Caccio, Vanessa Pomarico, Enock Barwuah, Alex.Speciale, Simone Dileo e Nimi Abdoulaye.

Triller vs. TikTok

Attualmente Triller è leggermente inferiore a TikTok sotto vari aspetti. Intanto la libreria musicale è ricca, ma limitata. Poi il rendering del video è più lungo rispetto a quello della concorrenza. Ci sono, inoltre, ripetuti bug che, però, saranno molto probabilmente risolti nelle prossime settimane per non deludere tutti coloro che stanno scaricando la app.

Un’altra differenza che salta all’occhio è che, a differenza di TikTok, Triller punta più sulle visualizzazioni che sui like. Quindi: selezionando un profilo, invece di vedere quanti cuori ha ricevuto il video, si legge il numero di visualizzazioni. Una volta selezionato il video si scopre anche il numero di like.

Infine: il proprio profilo può essere collegato sia ad Instagram che a Snapchat, anziché che ad Instagram e YouTube.

Triller download e informazioni

What do you think?

0 points
Upvote Downvote

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

“Wow, che caldo: buonasera a tutti, oggi mi sento proprio a Rio de Janeiro”, ecco com’è nato il meme virale

Rosalba

Rosalba disattiva il profilo su Twitter (e chiede di nuovo scusa per i tweet del passato)