in

Tommaso Donadoni pubblica un video ironico con Valerio Mazzei, ma cos’era successo tra loro? Scopriamolo insieme!

Vi ricordate lo scontro (a distanza) tra Tommaso Donadoni e i Q4? E’ passato un anno, ora sono cresciuti e ci ridono su. Ecco il video.

Oggi tra i componenti della Chill House e quelli della DefHouse sembra esserci un bellissimo rapporto di amicizia e di stima. Quest’estate, però, erano voltate alcune frecciatine tra i componenti delle due “content house” del web. In particolar modo, i Q4 e Valerio Mazzei avevano scritto alcune provocazioni su Twitter indirizzati verso la crew composta da Simone Berlini, Davide Moccia, Tommaso Donadoni & Co. A queste provocazioni Tommaso Donadoni, che un anno fa era ancor più giovane e “acerbo” di quanto non lo fosse oggi, aveva contro risposto con uno “sputo” di cui si era pentito subito e per cui aveva chiesto scusa, capendo l’errore.

Oggi, a quasi un anno di distanza, quel dissing che tanto aveva appassionato la community sembra essere un lontanissimo ricordo. Infatti Tommaso ha pubblicato un video assieme a Valerio Mazzei dove ricrea, con ironia, la scena dello sputo che diventò virale sui social un anno fa. “Chi l’avrebbe mai detto”, scrive Donadoni.

Quant’è bello quando le incomprensioni riescono a essere superate con ironia e intelligenza?! Bravi ragazzi, così si fa! PS: se volete capire meglio cos’era successo a luglio 2020 tra Donadoni e Mazzei, trovate qui sotto l’articolo completo.

@tommaso_donadoni

Chi l’avrebbe mai detto 😂 @simoneberlini @valerio.mazzei

♬ Per davvero – Valerio Mazzei

Dissing tra Tommaso Donadoni e i Q4: loro provocano su Twitter, lui sbaglia, cancella e chiede scusa

Articolo del 22 luglio 2020 – “Siete i nuovi Q4?“. Una domanda apparentemente innocua è stata quella che una fan ha fatto a Tommaso Donadoni, Simone Berlini, Davide Moccia & Company, che da qualche settimana hanno formato una nuova crew (ancora senza nome) per TikTok e Instagram. La risposta di Tommaso è stata abbastanza netta: “Chi caz*o sono regà? Puh (fa il verso di uno “sputo”, ndr)“.

Ma perché Tommaso ha risposto così? Chi ha Twitter saprà che qualche settimana fa i Q4 non si erano risparmiati con le frecciatine e le provocazioni su quello che è diventato a tutti gli effetti il social per i dissing. Finora il gruppo di Donadoni non aveva risposto. Fino alla storia pubblicata il 12 luglio e poi rimossa poco dopo. Scopriamo cosa avevano scritto Tanc, Diego, Gianmarco e Mazzei sui loro profili.

Le frecciatine dei Q4 su Twitter

Valerio Mazzei: “Qualcunque (si scrive qualunque, ndr) cosa ci copiate io e gli amici miei la facciamo 20 volte meglio tranquilli“, “Te mangio in testa con i numeri del secondo profilo stabbono“.

Tancredi Galli: “La cosa che fa più ridere è che provano anche a fare i romani… wtf“, “Primo profilo (medaglia d’oro, ndr). Secondo profilo (medaglia d’argento, ndr). Loro (medaglia di bronzo, ndr)“.

Diego Lazzari: “Copiame pure il nome a sto punto“.

Gianmarco Rottaro: “Sembrate la nostra versione tarocca se tutto va bene. Facts“, “Non c’è competizione perché abbiamo già vinto“.

La spiegazione di Tommaso Donadoni

Insomma, la risposta del tiktoker bergamasco non è arrivata “dal nulla“. Ecco cosa ha detto nelle Stories di Instagram:

“Volevo chiedere scusa a tutti, ai diretti interessati, a voi per essere passato come un cattivo esempio. Sono passato come un ragazzino arrogante e pieno di sé che si crede Dio. Mi dispiace essere ricordato così. Le parole e i toni che ho usato sono le parole di un ragazzino di 16 anni non abbastanza maturo da capire quando è il momento di scherzare. Mi dispiace. Non vi sto chiedendo di guardarmi con occhi diversi o come mi guardavate prima, è normale e lo accetto. Vi sto solo chiedendo una cosa: di non generalizzare la cosa sulle persone che erano presenti con me”.

Un’ultima precisazione: le crew sul web sono sempre esistite. Senza andare all’estero (dove ce ne sono tantissime, dal Team 10 all’Hype House), anche in Italia ce ne sono sempre state, basti pensare ai Mates, a House of Talent, ai Melagodo…

[Foto: TikTok]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *