in

Tommaso Donadoni si sfoga per i commenti negativi ricevuti per i POV su TikTok – ecco cosa ha detto

Tommaso Donadoni
Tommaso Donadoni

Da almeno una settimana Tommaso Donadoni è al centro di continue critiche nei commenti dei suoi POV su TikTok. Tanti lo sminuiscono, altri lo deridono. Alcuni esempi? Per un video drammatico di una settimana fa si legge:

Come fate a non ridere.

Che è sta cosa vi prego?

Livello di recitazione: me contro te.

Recitavo meglio io alla recita finale della materna

Nel video di ieri, intitolato “#pov mi guardi male ma poi“, dove si esibisce sulle note di una canzone albanese, alcuni utenti ci vanno nuovamente giù pesante:

Perché mi escono sti video?

Basta, se nei per te mi arrivano altri video del genere elimino la app.

Ma che è sta cosa?

Non riesco a prendervi sul serio.

Questo è un insulto a qualunque albanese o kossovaro.

Ma che ho fatto male per finire qui?

Oggi Tommaso ha deciso di sfogarsi su Instagram, pubblicando alcune storie che spiegano il suo dispiacere:

Volevo buttare fuori delle parole con voi. Dovevo buttarle. Non vi nego che ci ho pensato e ripensato se farlo o meno o dove farlo e quando farlo. Ho mandato tutto a fanc*lo. Non mi interessa di quante persone lo vedono e di come lo vedono. Mi interessa che sia ascoltato, non capito.

Il componente della DefHouse, poi, spiega:

Parto dal presupposto che ognuno sui social possa fare quello che vuole. Ha la libertà di fare quello che vuole, quindi non biasimo nessuno e accetto qualsiasi cosa. Sono sui social pure io ed esprimo la mia opinione. Vi dico: mi dispiace. Mi dispiace da morire che un contenuto dove io cerco di elevarmi e di prestare attenzione ad ogni minima cosa venga sminuito, venga deriso, venga umiliato. Mi dispiace da morire. Vi dico: io ci impiego del tempo ad impersonificare un personaggio, un POV, Point of View, per chi non lo sapesse. Non sono quel personaggio, cerco solo di fare al meglio quello che voglio fare. Tutto qua, mi dispiace. Niente da dire: accetto qualsiasi cosa.

Il pensiero di Tommaso Donadoni sembra chiaro: le critiche sono ben accette se sono costruttive, ma se sono palesi prese in giro ne farebbe anche a meno. Ha ragione?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *