in

TikTok, Trump ha firmato il decreto: l’app deve essere venduta entro 45 giorni

donald trump vs tiktok
donald trump vs tiktok

Siamo arrivati ad un punto di svolta negli Stati Uniti nella vicenda legata a TikTok e WeChat: Donald Trump stamane ha firmato il decreto che vieta le transazioni con i proprietari cinesi delle app. In parole povere: o ByteDance vende oppure qualsiasi società che farà affari con loro tra 45 giorni sarà soggetta a sanzioni.

Bytedance, che si sente ingiustamente messa con le spalle al muro, ha commentato (fonte Repubblica):

Noi utilizzeremo tutti i mezzi disponibili per assicurarci il rispetto dello stato di diritto e che la nostra azienda e i nostri utilizzatori ricevano un trattamento equo. Se questo non sarà possibile da parte del governo Usa allora da parte dei tribunali statunitensi.

In attesa di scoprire se si troverà una soluzione senza andare per vie legali, il Senato americano ha approvato a unanimità la legge che vieta l’uso di TikTok a tutti i dipendenti federali. Non solo: il segretario di Stato americano Mike Pompeo ha annunciato che le app cinesi saranno rimosse dagli app store statunitensi. Il motivo? Comportano rischi per la sicurezza:

Con le compagnie madri basate in Cina, app come Tik Tok, WeChat e altre rappresentano importanti minacce ai dati personali dei cittadini americani.

Come finirà la vicenda? L’ipotesi più plausibile è che Microsoft, forte del decreto, riesca ad acquistare le attività di TikTok negli Stati Uniti, Canada, Australia e Nuova Zelanda. Successivamente la società americana punterebbe a fare lo stesso anche in India e Europa. In Cina rimarrebbe la app sorella di TikTok, Douyin.

ByteDance, però, ha annunciato l’apertura di un data center in Irlanda, operativo all’inizio del 2022 che raccoglierà video, messaggi e altri dati europei. In questo modo renderebbe più complessa l’acquisizione di Microsoft a livello globale.

La partita è appena iniziata. Chi la spunterà?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *