in

TikTok bloccato in Italia: cosa c’è di vero? Chi non potrà più utilizzarlo?

TikTok
TikTok

Ieri il Garante per la privacy ha disposto per TikTok il blocco dell’uso dei dati senza l’accertamento dell’età. Molti utenti, allarmati, non hanno capito bene cosa succederà al social cinese dopo questa decisione. Andiamo con ordine e cerchiamo di fare chiarezza.

Qualche giorno fa a Palermo è morta Antonella, una bambina di 10 anni che pare stesse partecipando ad una challenge su TikTok (il condizionale è d’obbligo, perché, fino ad oggi, non ci sono prove che la tragica morte sia collegata in qualche modo al social in questione). Tutti i giornali hanno fatto da cassa di risonanza alla notizia (addirittura spiegando le regole della challenge), tanto da mettere in allarme le istituzioni che temono che i più giovani, definiti soggetti impressionabili, possano imitare il terribile gesto che è costata la vita alla bambina.

Per questo ieri il Garante ha ordinato a TikTok di bloccare immediatamente tutti i profili di quegli utenti per i quali non sia stata accertata con sicurezza l’età anagrafica. In parole povere: se non hai almeno tredici anni non puoi avere la app; se già ce l’hai perché hai aggirato il divieto, TikTok ti deve bloccare.

TikTok sarà vietato in Italia?

Ciò vuol dire che TikTok sarà vietato in Italia? No, semplicemente il Garante chiede che ciò che aveva disposto a dicembre, cioè il controllo reale dell’età, la maggiore trasparenza e chiarezza nelle informazioni rese agli utenti e la sistemazione dell’uso di impostazioni predefinite non rispettose della privacy sia attuato subito.

Uno dei componenti del collegio del Granate, Guido Scorza, ha spiegato:

La tecnologia permetterebbe di accertare l’età, ma TikTok non utilizza al momento questi strumenti: questo conferma la necessità di un blocco

Il giurista Marco Martorana ha aggiunto (fonte La Repubblica):

Il problema è generalizzato e varrebbe in principio per tutti i social. TikTok in particolare è nel mirino perché lo usano soprattutto teenager e persino bambini.

TikTok, che tra dicembre e gennaio aveva già provato a fare qualcosa, come rendere privati tutti i profili di utenti minori di 16 anni, ha fatto sapere che farà di tutto per rispettare la richiesta (fonte Il Sole 24 Ore):

Abbiamo ricevuto e stiamo analizzando l’informativa del Garante – scrive in una nota un portavoce di TikTok – la privacy e la sicurezza sono una priorità assoluta per TikTok e lavoriamo costantemente per rafforzare le nostre policy, i nostri processi e le nostre tecnologie per proteggere tutta la nostra community e i nostri utenti più giovani in particolare.

TikTok chiude?

Cosa succede ora? La prima possibilità è che TikTok trovi il modo di avere l’assoluta certezza dell’età dei suoi utenti (ma non è facile). In questo caso tutto si risolve. La seconda possibilità è che la App paghi una multa, ignorando le richieste del Garante (ipotesi improbabile, perché sarebbe travolta da una pubblicità negativa senza precedenti). La terza possibilità è che il social cinese decida di oscurare tutti gli account non certificati fino a quando non troverà una soluzione.

In attesa di conoscere il futuro della app social, è di fondamentale importanza che qualsiasi challenge pericolosa sia segnalata. Ricordatevi: imitate gesti pericolosi che vedete fare da altre persone, sui social e non, non vi rende più interessanti, vi mette solo in pericolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *