in ,

Se mi lasci ti cancello… o forse no. Ennesima storia fake diventa virale su Twitter

Se mi lasci ti cancello… o forse no. E’ un periodo vivace per gli utenti di Twitter, che dopo il PayPal gate (ve ne avevamo parlato qui) si sono imbattuti nell’ennesima storia fake, anche questa diventata virale. Due fidanzati, una rottura decisamente non pacifica, gli immancabili screenshots: questi gli ingredienti della storia che ha suscitato scalpore, alimentando il chiacchiericcio social.

Com’è nata la storia

E’ il 4 dicembre quando l’utente @solaconmestessa (profilo ora disattivato, ndr), condivide su Twitter gli screenshots di una conversazione tra lei e il suo (oramai ex) fidanzato, Luca. Esasperata dall’ennesimo tradimento, forte di prove fotografiche che non sembrano lasciare dubbi, la ragazza trova finalmente il coraggio di lasciare il fidanzato. Lo scambio di messaggi tra i due è molto duro, la foto che lo immortala mentre bacia un’altra ragazza mette subito Luca alle strette. È a questo punto che la conversazione assume una nota particolarmente amara, suscitando l’indignazione di molti utenti.  

La conversazione infatti prosegue e Luca, incapace di accettare la rottura, come tristemente spesso avviene scarica le colpe sulla ragazza. Ma non è tutto: Luca minaccia l’ex fidanzata di diffondere sue foto private, aggiungendo che non sarebbe la prima volta. “Tutti i miei amici sanno che sei una tr**a, le tue foto hot le hanno viste tutti”: così tuona il ragazzo in un messaggio, portando alla luce una realtà che molte ragazze sono costrette a subire, e scatenando la durissima reazione di Twitter.

Immediata la solidarietà degli utenti alla ragazza, e moltissimi i complimenti per essere riuscita a liberarsi di una storia evidentemente segnata da molteplici violenze psicologiche. Il tweet, inoltre, diventa per molti utenti un’occasione condividere la propria esperienza e per riflettere su un problema tristemente noto e ancora oggi troppo sottovalutato.

Gli utenti sospettano si tratti di una storia fake

Se non fosse che, ben presto, alcuni utenti alimentano il sospetto che si tratti dell’ennesima storia fake che diventa virale su Twitter. “I dialoghi sono da soap opera di bassa lega”; “ma possibile che di fronte ad una rottura il primo pensiero sia postare gli screen sui social?”: questi i dubbi degli utenti più maliziosi, che in pochissimo tempo si rivelano essere fondati. Come spesso avviene su Twitter negli ultimi tempi, ecco che qualcuno intraprende delle vere e proprie indagini, portando alla luce una realtà abbastanza inquietante che ha scosso l’intero social.

Attraverso una ricerca per immagini (strumento principe per chi volesse smascherare dei fake, prendete nota!) un utente ha ottenuto le prove della falsità del racconto. La foto utilizzata per provare il tradimento di Luca, infatti, proviene da un sito che promuove dei corsi di seduzione. Immancabile l’ironia degli utenti, che tuttavia non hanno riconosciuto alla storia lo stesso impatto del PayPal-gate: troppo debole la struttura, secondo alcuni troppo evidente l’inganno. Insomma, ne devi mangiare di cereali sottomarca ancora.

La prova che si tratti dell’ennesima storia fake

https://twitter.com/wand3rIust/status/1202645705833230337?s=20

Ancora una volta siamo qui a dire che su Twitter non ci si annoia proprio mai. Ma una riflessione viene naturale: è normale servirsi di questioni delicate come quella del revenge p0rn per qualche follower o like in più? Non si stanno forse perdendo di vista le priorità? E soprattutto, in un contesto in cui le donne che raccontano esperienze di questo tipo si trovano spesso messe in dubbio o addirittura sbeffeggiate, non è meschino montare casi del genere, che non fanno che alimentare quell’orrenda cultura del sospetto già ampiamente diffusa tra i più? Se mi lasci ti cancello… o forse no, speriamo non sia in programma nessun sequel.

What do you think?

0 points
Upvote Downvote

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Video Anima 24 novembre

Anima potrebbe lasciare Youtube, ecco perché: “Voglio essere un’icona, o spacco o esco”

Com’è nato il meme della donna che urla al gatto? Ecco la sua incredibile storia e il video originale