in

Nella Stardust House vive un fantasma? L’esperienza spaventosa di Andrea Fratino e i gemelli Lapresa

Quello che doveva essere uno scherzo si è trasformato in realtà. C’è un fantasma nella Stardust House?

Stardust House Andrea Fratino gemelli Lapresa
Stardust House Andrea Fratino gemelli Lapresa

Oscure presenze si aggirano nella Stardust House. Sembra il titolo di un film horror, invece, è ciò che si deduce dal racconto che hanno fatto ieri sera su Instagram i gemelli Lapresa, Andrea Fratino, Gianluca Molin e George Ciupilan. Ricostruiamo l’incredibile evento partendo dalle loro parole di Andrea:

C’è una leggenda nel paesino: c’è un bambino, che è morto, che gira per il paese. Anche Brisida ci ha detto di averlo visto.

I ragazzi della Stardust hanno pensato di fare uno scherzo ai compagni: George doveva accendere e spegnere le luci dell’automobile a distanza per spaventare i componenti della casa. Le cose, però, non sono andate esattamente così. Fratino continua:

Io vedo che da fuori la macchina di Ciupi fa il flash con le quattro frecce. Io, preso male, lo dico a Willi, ma l’avevo visto solo io. Ci spaventiamo e ci muniamo di mazza e di coltello da cucina. Chiamiamo anche lo chef. Usciamo. Pensiamo che magari Ciupi dormendo ha schiacciato qualcosa. La portiera era chiusa. Era tutto chiuso. Rientriamo. Avevo la pelle d’oca. Guardiamo fuori e di nuovo flash. Una cosa assurda: di storie ne ho sentite, ma ieri sera mi sono cagato sotto.

L’aspetto più inquietante della storia arriva dopo, una volta rientrati in casa. Raccontano i Lapresa:

Le telecamere hanno cominciato a filmare dal momento dopo che noi siamo rientrati. La cosa delle telecamere è stata impressionante. Appena l’abbiamo visto abbiamo detto: “Come? Non c’è il filmato prima? Ha registrato dopo”

Gianluca ha fatto notare che ci sono state “troppe coincidenze” tutte insieme. George è rimasto impassibile. Nei commenti, invece, c’è chi ha pensato fosse uno scherzo e chi, invece, spaventato ha scritto: “Questa notte non dorme”. Il mistero si infittisce…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *