in

St3pny: “Le ultime 24 ore le peggiori della mia vita, questa notizia mi sta affossando come persona”

Le ultime 24 ore sono state le peggiori della mia vita“. A parlare è St3pny, lo youtuber più chiacchierato del momento: da ieri tutti parlano di lui – dai telegiornali, sbagliando il suo nome, ai social – per la notizia dove veniva accusato di aver evaso un milione di euro di tasse negli ultimi cinque giorni.

Notizia che si è subito sgonfiata, dato che tra la Guardia di Finanza e Stefano Lepri si starebbero tenendo degli incontri per verificare la correttezza di come vengono pagate le tasse con l’obiettivo finale di “regolamentare” l’attività di youtuber. Al momento non sarebbero previste multe o denunce.

Oggi St3pny è tornato su Youtube per spiegare il suo stato d’animo. “Questa notizia sta affossando me come persona: non è giusto che una notizia ti cambi la vita sotto l’aspetto emotivo in questo modo (…) Prima di sparare sentenze e puntare il dito verso un ragazzo che potrebbe essere distrutto mediaticamente in un giorno bisognerebbe verificare la veridicità della notizia“. Stefano ha parlato di disinformazione.

Le sue parole:

“Mi dispiace vedere il mio nome e la mia faccia associati a titoli acchiappa views che sparano sentenze e fango addosso a una persona senza informarsi davvero. Questa cosa ha colpito anche i miei amici e i miei familiari, che sono rimasti shockati da come mi descrivevano ai telegiornali. Sono frustrato e amareggiato nel non poter far niente nei confronti di questa notizia, che è diventata virale”.

“Ho sempre pagato le tasse. Sono in atto delle verifiche per capire se la modalità con cui ho pagato le tasse è corretta oppure no. La nostra figura professionale non è ancora regolamentata: se poi dovrò compensare oltre a ciò che è stato già dato, lo farò in modo sereno”.

St3pny spera che la figura dello youtuber venga regolamentata presto anche dallo Stato italiano e promette che da domani tornerà a fare video come sempre. Anche perché il Mates & Friends si avvicina…

One Comment

Leave a Reply

One Ping

  1. Pingback:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *