in

Sofia Viscardi contro il ‘Bombi o Passi’: ‘E’ il 2020, inaccettabile’ – ecco perché c’entrano Luis Sal e Homyatol

Sofia Viscardi non si è mai tirata indietro. Anzi, quando c’è stato da dire la propria, lei l’ha sempre fatto mettendoci la faccia. Stavolta se l’è presa con il Bombi o Passi?, quella sorta di challenge che spopola su tutti i social – da TikTok a Twitch, passando per Youtube – ormai da anni e che è partita dall’America. La sfida consiste nel commentare le foto di altre webstar e, basandosi soltanto l’aspetto fisico, dire se potrebbe interessare per un rapporto fisico.

Gli ultimi ad aver proposto un contenuto del genere sono gli streamer Homyatol e Luis Sal, che durante una delle ultime live su Twitch hanno fatto questa challenge con Rocco Siffredi. Una delle ragazze commentate è stata proprio Sofia Viscardi. Ecco qual è stata la reazione della youtuber ventenne.

Lo sfogo di Sofia Viscardi

Mi mette a disagio attirare l’attenzione su di me. Ma proverei ancora più disagio nel non dire ad alta voce che sono impressionata da come sia ancora ritenuto normale che i corpi delle donne vengano usati per l’intrattenimento maschile.

Trovo assurda la scelta di chi, parlando a tante persone, decida ancora oggi di proporci come oggetti. Trovo assurdo che questo video mi sia stato mandato come una lusinga. E trovo ancora più assurdo l’aver passato tutta la mattina a chiedermi se fosse giusto o meno dire qualcosa pubblicamente per paura di sembrare una che non sa scherzare.

Ma onestamente mi sembra più inaccettabile che esista ancora lo spazio per ridere dell’oggettificazione del corpo femminile, che è un fenomeno che purtroppo, come sappiamo, va ben oltre delle dirette goliardiche. Mi dispiace essere intervenuta solo nel momento in cui sono stata protagonista di uno di questi “giochi”. Ma almeno ho capito sulla mia pelle quanto sia più facile e istintivo fare finta di niente. È il 2020, dai cazzo.

Al momento Homyatol e Luis Sal non hanno risposto al “dissing”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *