in

“I fan vorrebbero abbracciare tuo figlio”, Sofia Crisafulli si rifiuta e alcuni follower polemizzano! Ecco cos’è successo

I fan vogliono toccare Thiago quando incontreranno Sofia Crisafulli agli eventi. Lei risponde di no e spiega i motivi. Ma non tutti sono d’accordo…

Sofia Crisafulli
Sofia Crisafulli

Due settimane fa, LaSabri si era giustamente sfogata su Instagram contro i fan che le chiedevano di poter toccare il suo futuro bambino agli eventi. Nelle ultime ore Sofia Crisafulli si è trovata nella stessa medesima situazione della creator, dato che anche alcuni suoi follower le hanno espresso il desiderio di poter toccare Thiago.

Ieri, con una Storia Instagram sul suo secondo profilo, Sofi ha risposto chi le ha chiesto: “Se ad esempio vi incontreremmo, ce lo farai toccare il bimbo?”. Per argomentare il suo parere, la tiktoker ha ripreso le parole de LaSabri, cercando di chiarire la situazione ai fan:

Questo discorso l’aveva già fatto la Sabri. I bambini, soprattutto i neonati, hanno pochissimi anticorpi. Proprio per questo motivo devono stare a contatto con meno germi possibili. Se io facessi toccare mio figlio a tutte le persone che incontro, non volendo ovviamente, porterebbero un milione di germi, diciamo che non sarebbe proprio la cosa più sicura e sana, quindi no, ma perché poi vorreste toccarlo?

I fan, non contenti della sua risposta, hanno messo in discussione le sue parole. A questo punto, Sofia Crisafulli ha deciso di chiudere l’argomento una volta per tutte. A chi le ha ribadito il concetto: “I fan vorrebbero abbracciarlo”, lei ha replicato: “Ma non è un bambolotto”, per poi lasciarsi andare a uno sfogo in cui chiede rispetto per il bebè:

Chiudo l’argomento di prima. Una carezza ovviamente non è niente, ma se mi fermano 50 persone al giorno e 50 persone non hanno le mani pulite, igienizzate e non sono cos’abbiano fatto durante la giornata, non è igienico. Anche io porto i germi, ma sono la madre e sarò più igienizzata. Per favore, basta!

Come hanno già ampiamente spiegato LaSabri e Sofia, stiamo parlando di un bambino, non di un bambolotto.

[FOTO: Instagram]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.