Spesso quando si parla di influncer, youtuber, instagrammers e fashion blogger si pensa sempre a giovani fannulloni che provano gratificazione soltanto all’aumentare di followers e visualizzazioni ma, per fortuna, non è sempre così.

Da pochi giorni, infatti, è apparsa nei bagni di diverse università romane una particolare installazione volta a sensibilizzare gli studenti e le studentesse in merito alla questione della tampon tax, ovvero l’eccessiva tassazione sui prodotti igienici femminili, nello specifico degli assorbenti.

Tra le cinque giovani fondatrici del movimento “Le nostre cose”, troviamo anche un’avvezza frequentatrice del tubo: Martina, del canale Smibie Channel. Romana, 22 anni, studentessa di comunicazione pubblicitaria, su You Tube si occupa prevalentemente di lifestyle e beauty, ma i suoi contenuti più interessanti sono sicuramente quelli relativi all’organizzazione e alla gestione del tempo; è probabilmente la migliore esponente italiana, nel panorama YouTube, per quanto riguarda il settore “studio e motivazione”.

L’impegno e la determinazione che questa giovane donna mette in tutto quello che fa, traspare con naturalezza dai suoi video ed è lampante anche dalla serietà con cui è stata promossa e curata questa iniziativa; infatti, oltre alle istallazioni “solidali”, dove è possibile lasciare un assorbente a chi ne ha più bisogno, è stata aperta anche una pagina instagram con esplicati in maniera chiara e sintetica gli obiettivi della campagna: cercare di ridurre la tassazione al 4% (in Italia gli assorbenti sono tassati con l’Iva al 22%) e abbattere il tabù del ciclo mestruale attraverso informazione e condivisione.

Sicuramente un esempio virtuoso di un corretto utilizzo dei canali social e un’iniziativa che merita attenzione e visibilità, Martina è la prova vivente che quando gli influencer fanno bene il loro lavoro essere “influenzati” è una vera e propria fortuna, che essere appassionate di make up e di borse griffate non vuol dire essere frivole e vuote, che con convinzione e costanza si può fare tutto, anche provare a rendere il mondo un posto migliore, anche solo un po’!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *