in

Shayla Marie, la TikToker si mostra senza la protesi all’occhio sfigurato: “Bisogna amare le proprie insicurezze”

Shayla Marie, TikToker americana da 1,4 milioni di follower, si è fatta notare negli ultimi mesi per il suo coraggio. Tra trend e challenge, Shayla infatti parla apertamente del problema fisico legato all’occhio sinistro. Contro ogni pregiudizio o attacco di hater. Infatti Shayla Marie, anni fa, è stata colpita da un cancro al cervello che poi si è espanso ed è passato all’occhio sinistro.

A causa di questo brutto male, Shayla Marie oggi non vede nulla da quest’occhio che, purtroppo, è rimasto sfigurato. Shayla usa una protesi in plastica che applica sull’occhio come fosse una lente a contatto; in questo modo, la problematica è quasi totalmente camuffata, tanto che si fa fatica ad accorgersi della protesi.

@shaylamarie_

yeah ???

♬ original sound – ? The Audio King ?

Da qualche tempo, tuttavia, la TikToker ha però deciso di mostrarsi in video ed in foto senza protesi. Questo per lanciare un messaggio che promuova l’accettazione di sé stessi e per parlare di un qualcosa che, in passato, l’ha fatta molto soffrire. Ecco cosa scrive sotto ad un post su Instagram dove si mostra sorridente e con l’occhio di plastica in mano:

Un mio occhio è sempre stato la mia più grande insicurezza. Mi hanno sempre maltrattata e mi sono sempre abbattuta per il mio occhio. Ho sempre desiderato coprirlo e mi chiedevo “Perché mi è successo?” “Perché non riesco a vedere come una persona normale?”. Mi guardavo allo specchio e piangevo perché consideravo ciò che mi rendeva unica come una cosa brutta. Tutti mi hanno sempre fatto sentire come se non valessi nulla a causa del mio occhio.

E ancora:

Da una parte vorrei poter cambiare me stessa e poter essere “normale” ma mi rendo conto che non esiste “normale”. Le persone ti giudicheranno in ogni caso. Cercheranno di abbatterti e farti stare male ma devi ricordare che sei più forte. Ogni giorno imparo sempre di più ad amare le mie insicurezze invece di abbattermi per loro. Non è qualcosa di facile da fare ma si può fare. Aprirmi sul mio occhio è stato difficile ma vedere quante persone ispiro ad aprirsi a loro volta, mi fa capire che ne vale la pena. Sapere che posso aiutare gli altri a sentirsi meno insicuri su ciò che li rende unici è la parte migliore di quello che faccio e non voglio fermarmi.

Insomma, un bel messaggio di body positivity in grado di far sentire meno soli ed incompresi tanti teeneger che seguono Shayla, che sfida l’hating per sé e per gli altri.

What do you think?

0 points
Upvote Downvote

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

omimess - carimadituttoedipiu

Omimess e CarimaDituttoDiPiù contro Tommaso Zorzi:”E’ il primo a discriminare, non è degno di essere gay”

Giulia Sara Salemi ha scritto un libro: “Warrior Smile. Sorriso da guerriera” – ecco cos’ha rivelato