in

Shantilives annuncia il suo primo libro: come si chiama e di cosa si tratta

Shantilives
Shantilives

Shantilives ha annunciato su Instagram l’uscita del suo primo libro I nostri giorni alla casa delle farfalle:

Da piccola ho aspirato a così tante professioni diverse che neanche me le ricordo più tutte: insegnante di ginnastica (?!), mangaka, investigatrice, makeup artist. Una cosa però la ricordo bene: ho sempre sognato di scrivere un libro. Raccontare storie è la mia cosa preferita da così tanto e in così tante diverse sfaccettature che non mi sembra vero di poterlo scrivere, e invece è proprio così. Ho scritto un libro. Ho mescolato esperienze e pensieri e li ho infilati in una storia che è con me da tanto tempo, e che non vedo l’ora sia tra pochissimo anche nelle vostre mani (in realtà all’idea me la faccio sotto, siamo sinceri!).

In un video, pubblicato su YouTube, Shantilives aggiunge:

Ho raccolto pensieri, esperienze mie e non mie e le ho messe nel libro. Ecco il frutto del famoso progetto farfalle. Il mio primo libro, il mio primo romanzo… è troppo strano vedere il mio nome su un libro vero in carne ed ossa. Per me è pazzesco pensare di aver effettivamente scritto un libro, pensare di vederlo nelle librerie o pensare che le persone leggeranno questa storia. Per me è fuori di testa.

Scrivere un libro è stata un’esperienza molto intensa.

Il libro, edito da Mondadori, composto da 168 pagine, uscirà il 3 novembre al costo di 16,15€, ma si può già preordinarlo sui principali store online. Se scegliete mondadoristore potete ricevere una copia autografata e partecipare ad un incontro virtuale con la novella scrittrice.

I nostri giorni alla casa delle farfalle di cosa parla?

Ecco la trama del primo romanzo di Shantilives:

La vita di Libby è piena di “ma”: lavora in un supermercato, ma vorrebbe fare l’attrice; vive una vita tranquilla, ma vorrebbe avere sempre le farfalle nello stomaco; ama il suo fidanzato, ma forse non le basta più. E quando i suoi occhi incrociano per la prima volta quelli blu di Niko, suo collega di lavoro, Libby capisce che forse è arrivato il momento in cui tutti quei “vorrei” che affollano la sua vita comincino a diventare realtà.

Le sue certezze iniziano a sgretolarsi ed è proprio durante una crisi che Libby si imbatte per caso nel misterioso gruppo di sostegno su relazioni e sessualità organizzato dall’affascinante psicoterapeuta Marina Beaufort. In un modo o nell’altro, tutti i compagni del gruppo sono dipendenti dall’amore. C’è chi non riesce a fare a meno del brivido della conquista, chi è desideroso di usare l’amore o il sesso per capirsi e capire il mondo, chi lo usa per fuggire dai propri problemi. E poi c’è Libby, che ha sempre concepito l’amore in modo romantico, con il colpo di fulmine e tutto il resto, che misura i suoi sentimenti in base a quanto sangue perde il suo cuore, e che se non soffre si dice che allora no, non era un amore meritevole di essere vissuto.

I nostri giorni alla casa delle farfalle, il romanzo d’esordio di Shanti Winiger, è la storia dell’educazione sentimentale e sessuale di una ragazza alla ricerca di risposte su cosa davvero sia l’amore. Perché, forse, non tutte le persone sono fatte per amare nello stesso modo e non tutte le relazioni devono seguire le stesse regole.

What do you think?

0 points
Upvote Downvote

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Gianluca Vacchi è diventato papà: la figlia ha un nome super particolare

Me contro te ovetti

Me contro te: in arrivo gli ovetti – ecco di cosa si tratta e che sorprese si possono trovare all’interno