in

Shane Dawson reagisce alle rivelazioni di Tati: “Questa è pazza”. Intanto YouTube gli toglie la monetizzazione e Target i libri dal suo store

Shane Dawson
Shane Dawson

Non è esattamente quello che si potrebbe definire un momento felice quello che sta vivendo attualmente Shane Dawson: dopo le recenti accuse di essere razzista, pedofilo e xenofobo e quelle di Tati Westbrook di essere manipolatore e di creare tensione tra lei e James Charles, in molti hanno deciso di abbandonarlo. come auspicato dallo stesso vlogger.

Shane Dawson replica a Tati Westbrook

Nel video pubblicato (poi rimosso) Shane ha smentito Tati:

Sto perdendo la testa. Non riesco ha dare un senso a tutto ciò. Questa è pazza. E’ una F* ing*… oh mio dio!

I problemi economici di Shane

Martedì YouTube ha deciso di togliere la monetizzazione ai tre canali di Shane; lo stesso giorno anche lo shopping online Target ha annunciato di aver rimosso i suoi libri dallo store.

La piattaforma video Google ha spiegato che la sospensione degli annunci pubblicitari sui suoi canali è arrivata dopo una revisione delle azioni della webstar dentro e fuori YouTube. La sospensione è prevista a tempo indeterminato

Target, invece, ha dichiarato:

Siamo impegnati a creare un’esperienza in cui tutti i nostri ospiti si sentano accolti e rispettati. Stiamo rimuovendo i suoi libri dalla nostra offerta.

Il portavoce dello store, però, non ha spiegato come mai stiano rimuovendo soltanto adesso i libri, dato che i fatti di cui è accusato il vlogger sono datati.

Shane Dawson nel video di scuse pubblicato giorni fa, aveva detto:

Dovrei perdere tutto. Ho messo così tanto odio su Internet.

Detto, fatto. Qualcuno l’ha già ascoltato. Chi sarà il prossimo?

What do you think?

1 point
Upvote Downvote

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

NikkieTutorials

NikkieTutorials svela che avrebbe dovuto far parte del cast di The Vampire Diaries

Game Master

Game Master, arriva la web series con Gianmarco Zagato e i PIT – ecco i dettagli