in

Serena Puppo annuncia la sua prima canzone (“Come il Titanic”) e piange di gioia – tutto quello che c’è da sapere

Un sogno che si realizza: Serena Puppo ha inciso la sua prima canzone. Proprio ieri la youtuber e tiktoker vicentina ha annunciato l’uscita di Come il Titanic e si è addirittura commossa (di felicità) nel vedere tanto affetto da parte dei suoi followers. D’altronde Serena non ha mai nascosto la sua passione per la musica, tanto che spesso su Youtube ha realizzato delle cover molto apprezzate.

Questo suo primo inedito uscirà su iTunes, Spotify e su tutti gli store digitali il 30 settembre. Ci sarà anche un video, ovviamente. Ecco le parole di gioia di Serena Puppo:

“è veramente una cosa inspiegabile: sono così grata di tutto quello che mi state dando che non avete idea. Sogno questa cosa da quando cantavo le canzoni del Mondo di Patti in cameretta. Quando ho acceso quella telecamera nell’estate 2005 mai mi sarei aspettata tutto questo, non mi sarei mai aspettata di poter vivere il mio nome sopra il nome di una canzone. E’ qualcosa di assurdo che è solo grazie a voi”.

Ma di cosa parla Come il Titanic? Serena ha spiegato anche questo:

“Questa canzone parla di me, ci lavoro da tanto tempo. Non ci sarà autotune ovviamente: è un effetto che va usato per un determinato genere musica, che non è quello di Come il Titanic (…) Non è dedicata a una persona in particolare, è una cosa generale su ciò che provo io. Parla delle delusioni che ti danno le persone. L’ho scritto a ottobre-novembre a scuola e finalmente ora ha una forma, è una canzone vera”,

La canzone è stata scritta assieme all’autore Roberto Carraro. Non vediamo l’ora di ascoltarla.

View this post on Instagram

“come il Titanic” FUORI IL 30 SETTEMBRE SU TUTTI I DIGITAL STORE! . . . Finalmente è arrivato il momento che più aspettavo. Il 30 settembre uscirà il mio primo singolo, la prima piccola parte di me. Lavoro a questo testo da mesi, l’ho scritto e riscritto per esprimere al meglio ciò che ho provato e continuo a provare. Perché il Titanic? Perché il Titanic era la nave dei sogni, era qualcosa di così grande e immenso, ma soprattutto era considerato inaffondabile, indistruttibile, ma come tutti sappiamo, non è stato così. Un po’ come me, all’apparenza sembro così forte, così grande, così sicura, ma basta una piccola cosa per farmi crollare, per farmi affondare. Non ho voluto creare la classica “bomba”, la classica canzone che metti in macchina con gli amici per urlare e ballare, volevo creare un qualcosa da mettere nelle cuffiette la mattina, quando si ha bisogno di stare un po’ da soli, volevo creare un qualcosa che facesse emozionare, qualcosa in cui anche le altre persone si potessero immedesimare, perché alla fine tutti abbiamo un lato debole, anche chi non lo dimostra. Spero davvero con tutto il mio cuore che tutto ciò possa accadere, voglio che le mie parole acquistino significato non solo per me, ma anche per voi; spero che vi emozionate come io mi sono emozionata tutte le volte che mi sono messa a lavorare a questa canzone. Grazie perché tutto questo senza di voi non sarebbe successo, grazie mamma e grazie papà perché mi avete sempre supportato in tutto, grazie Samu e grazie Teo perché siete stati i primi a credere in me e nelle mie potenzialità, grazie Roberto perché senza di te “come il Titanic” non avrebbe preso forma e grazie anche a tutte quelle persone che “hanno mollato la mano proprio quando stavo per naufragare” perché senza di voi probabilmente questo testo non esisterebbe.

A post shared by 𝑠 𝑒 𝑟 𝑒 𝑛 𝑎 (@serenapuppo_) on

What do you think?

0 points
Upvote Downvote

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ariston Comic Selfie 2019, il web talent per comici e prestigiatori sbarca a Sanremo – come partecipare

Matteo Markus Bok è sbarcato in libreria con Promise