in

“Non volevo più vivere per colpa di quel video”: 10 anni dopo, la protagonista torna a parlare – il messaggio!

Jek Benetti in realtà si chiama Desirèe Guarnieri: lei racconta la sua storia, 10 anni dopo. “Non riesco a farmi degli amici”.

Sono passati ormai dieci anni da quel video in cui si vedeva un’adolescente che piangeva su Ask a colpi di “schizzo male” perché lasciato dal partner di turno. Il video diventò virale in una maniera incredibile e tutt’ora le persone se lo ricordano. All’epoca era conosciuta come Jek Benetti, ma in realtà lei si chiama Desirèe Guarnieri e tutt’ora deve fare i conti con quel video, che le ha segnato (in negativo, purtroppo) il suo percorso di vita. Pochi giorni fa su TikTok ha raccontato la sua versione dei fatti:

“Non hai mai pensato a cosa passo tutt’oggi? Ogni volta mi prendete in giro per questa storia di 50 anni fa. Non hai mai pensato a cosa passo io ogni giorn? Non riesco a farmi degli amici perché tutti si vergognerebbero a girare con una persona perché dieci anni fa ha fatto un video e un’altra persona l’ha caricato in rete guadagnandoci su. Io non ho nemmeno preso un soldi. Hai mai pensato a tutte le volte che sono arrivata allo sfinimento e non volevo più vivere per colpa di questa cosa? Tutti voi avete mai pensato di andare oltre a questa cosa, di conoscermi come Desirèe e come la persona che sono? Perché volete darmi un’etichetta e un’immagine che non mi corrisponde più? Perché siete così irrispettosi?”.

“Ogni volta che mi espongo in una live o anche dal vivo mi viene sempre fatta sempre la stessa domanda, fino allo sfinimento. Anche io sono una persona come voi. Avete mai pensato che tutte quelle morti nel mondo che sono state autolesioniste le avete causate voi con il vostro odio assurdo? Ci pensate mai al male che potete creare a una persona? Io sono stanca. Io sono Desirèe e voglio essere trattata come Desirèe. Se questo non vi sta bene potete uscire da questo profilo, ma non avete il diritto di asfissiare le persone. Nessuno vorrebbe essere al mio posto. Ok riderci sopra, anche se la cosa a me non fa ridere. Ok fregarsene, ma fino a un certo punto. Arriva un momento in cui deve arrivare uno stop a tutto questo. Pensateci al male psicologico che continuate a fare alle persone”.

Desirèe ha raccontato che addirittura ci sono persone che arrivano sotto casa a urlarle cose poco carine. Una situazione che è veramente esasperante per chi la vive, quindi ci auguriamo che anche lei possa

@desireeguarnieri97

Rispondi a @_veronic4_0

♬ suono originale – Desirèe guarnieri

Cosa aveva raccontato nel 2019

Nel 2019 aveva raccontato il suo percorso: “Jek Benetti è la persona che io vorrei essere e che interpreto, ma è la persona che non sono: era nato tutto per scherzo da piccolo, ma è nato per essere accettato. Mi vedo in una realtà dove non sono accettato e preferisco fingere di essere una persona che non sono e non sarò mai (…) Mio padre è morto quando avevo 4 anni, sono stato adottato“.

“Sono sempre stato maschio: mi sono sempre vestito da maschio, ma quando ero piccolo non potevo sapere di essere FtM. Io mi sono sempre classificato come una persona che si sente maschio, però siccome non poteva cambiare il proprio corpo doveva dire di essere femmina e quindi essere lesbica. In realtà grazie ai vostri consigli, io ho capito di essere FtM: io mi sento maschio, ma dovrei dire di essere etero. Mi pare strana questa cosa, ma non la sapevo”, ha raccontato su Youtube.

https://www.youtube.com/channel/UCsMBtAqZddEV3pbOTQKjpiA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *