in

Sara Di Sturco spiega perché è ricoverata in ospedale (e tranquillizza chi la segue): “Il piccolo sta bene”

Sara Di Sturco è stata ricoverata in ospedale. Niente di grave, per fortuna: il motivo l’ha spiegato lei stessa su Instagram!

Venerdì scorso Sara Di Sturco è andata a fare la sua penultima ecografia. Attualmente la tiktoker è entrata nella trentesima settimana di gravidanza, e quindi il parto si avvicina sempre più. Dopo il controllo di routine, però, i medici hanno deciso di tenere Sara in osservazione in ospedale per qualche giorno. Niente di grave, diciamolo suito. Il bambino che nascerà è sano e sta benissimo!

Il motivo dell’ospedalizzazione di Sara, che tanto ha preoccupati i fan della coppia che compone assieme a ValeBise, è stato spiegato dalla diretta interessata:

Vorrei iniziare spiegando meglio il motivo per il quale in questo meraviglioso momento della mia vita io mi trovi all’ospedale Mangiagalli di Milano ricoverata. Nulla di grave non allarmatevi! Ma dopo la penultima visita dal ginecologo, abbiamo notato che il mio collo dell’utero si é ristretto alla 30’+3 sett. 19mm. Mi ha consigliato proprio lui un ricovero per monitorare il tutto. Mi hanno fatto due punture di cortisone per far si che qualora ci fosse un presunto parto prematuro, aiuta il bimbo ad accellerare ancor di piú la crescita dei polmoni.. in piú ho fatto delle flebo (Atosiban) che durano 48h 4 step che sembrano infiniti per eliminare del tutto le contrazioni, che per di piú non ho avuto. Novità vi state chiedendo? Beh esco oggi/Domani finalmente ma devo stare a riposo❤️💙👶🏻 Sfrutto questo post anche per poter ringraziare ognuno di voi per i messaggi stupendi di conforto e per essermi stati stra vicino NON sembra ma mi aiuta da morire. (perdonatemi se non riesco a rispondere a tutti ma capitemi)

Instagram

In questi giorni Sara Di Sturco ha anche spiegato che il parto è previsto attorno al 28 gennaio! Mandiamole tante good vibes!

[Foto: Instagram]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *