in

Sara Baruto, la sorella di Aurora, racconta la sua esperienza dopo il parto: non è stata positiva

La creator ha affidato ai social il suo racconto drammatico e toccante riguardo il parto: ecco le sue parole

Sara Baruto
Sara Baruto

Tant* di voi avranno sentito della notizia del bimbo volato in cielo a soli 3 giorni dalla nascita in un ospedale di Roma. Ad aver colpito molto l’opinione pubblica è stata la circostanza ancora più tragica in cui ciò è avvenuto: la mamma si è addormentata mentre lo allattava. “L’hanno abbandonata, la mia compagna non si reggeva in piedi dopo 17 ore di travaglio, ma è stata obbligata a prendersi cura del piccolo da subito. Aveva chiesto di portare il bimbo al nido per poter riposare qualche ora, ma le hanno detto di no“, ha denunciato il padre del bimbo a IlMessaggero. Al riguardo anche alcune influencer hanno voluto dire la loro. Tra queste, oltre a Chiara Ferragni, anche Sara Baruto, che su TikTok si è lasciata andare ad un drammatico racconto del proprio parto. Ecco cosa ha detto!

Quando ho letto la notizia della povera mamma che ha perso il suo bimbo mi si è gelato il sangue. Volevo dirle che le sono molto vicina e raccontare anche la mia esperienza che ho avuto con il parto“, ha esordito Sara. Che poi ha raccontato: “Può succedere a tutte perché in ospedale, magari non in tutti, non ti aiutano. Ad esempio dopo il mio travaglio, lunghissimo, ti portano subito la bimba in camera e devi prendertene cura subito giorno e notte. Tu sei distrutta: fisicamente e psicologicamente. Io dopo tutte quelle ore, i punti etc. mi hanno subito portato la bambina. Ero felicissima di averla con me però ero veramente stremata e senza forze. Me l’hanno lasciata lì senza vedere nulla. La mia prima figlia, io non sapevo neanche tanto come comportarmi e cosa fare“.

Non tutto il personale era così, dipendeva anche dalle singole personele parole di Sara Baruto -. Però veramente a volte chiamavo e mi dicevano: ‘Ora sei una mamma devi arrangiarti’, ‘Non ho tempo per venire’. Io chiamavo per consigli, guardare la bambina mentre andavo un attimo al bagno. Ecco… un’esperienza non positiva. Poi con il Covid non poteva venire nessuno. Io avrei voluto avere mia mamma al mio fianco, era un periodo molto delicato. Poteva venire solo mio marito, il padre, per pochissimo tempo e solo la sera. Ho dovuto chiedere di togliermi gli aghi e quindi chiamavo sempre io e mi sentivo sempre rispondere male“. Infine la creator ha concluso: “Quindi veramente è una cosa che può succedere a tutti. Non ho parole“.