in

“Mia madre mi ha rinchiuso con la forza in uno stanzino”, la storia da brividi è virale su TikTok

Mia madre mi ha preso con la forza e mi ha rinchiusa in uno stanzino dove non sono mai stata in tutta la mia vita”, si sente su TikTok. È una storia che fa venire i brividi quella di Silvia Seri, una tiktoker che nelle ultime ore è diventata virale sulla piattaforma per il suo racconto che sembra un racconto horror di Halloween.

La ragazza ha raccontato sui propri profili social di aver discusso con la propria madre, che per metterla in punizione ha deciso di lasciarla in uno sgabuzzino per un po’ di tempo. Ecco le sue parole di denuncia:

Minimo due giorni mi ci fa rimanere. Vivrò per due giorni senza niente, mi ha lasciato anche un materasso. Lo sgabuzzino è pieno di roba, puzza da morire, mi ha completamente rinchiuso. Fa freddissimo, penso di stare in un terrazzo.

Nel corso della permanenza nello stanzino, Silvia ha raccontato come se l’è passata. La mamma le ha portato un paio di biscotti e una bottiglietta d’acqua già aperta, per non farla rimanere proprio a digiuno, il caricabatterie per lo smartphone e qualche quaderno:

Due biscotti in ventiquattro ore, una bottiglietta d’acqua già usata. Lei mi bussa, mi lancia le cose e poi richiude subito a chiave, così non posso scappare. Sto piangendo da tutto il giorno, ogni tanto mi porta dei foglietti in cui mi insulta. Non ce la sto facendo più, domani ho anche l’università, spero mi liberi entro domattina. Ho anche chiamato mio padre, ma non fa niente.

“Mi sta privando della vita e della libertà, non mi fa lavare, almeno un po’ di cuore: sono tua figlia”, il lamento di Silvia sulle Storie di Instagram della ragazza, che viene da Roma e ha 19 anni. Qualcuno suppone che si tratti di una montatura per attirare l’attenzione dei social, cosa che effettivamente ha ottenuto. Sarà così? Lei ci ha assicurato che si tratta di una punizione reale. Voi che ne pensate?

What do you think?

1 point
Upvote Downvote

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Basic Gaia finisce al pronto soccorso: “Mi hanno tamponata” – ecco come sta

Annie LeBlanc: “Ho deciso di cambiare nome” – ecco come si chiamerà da oggi