in

Rahul Teoli: tutto quello che devi sapere sull’inseparabile de Il Collegio 5

Rahul Teoli
Rahul Teoli

Rahul Teoli, protagonista de Il collegio 5, è un sedicenne indiano (nato il 21 settembre 2004) che ha un legame fortissimo con sua sorella Usha. Quando aveva tre anni il padre biologico l’ha abbandonato sul treno insieme a sua sorella. Da lì a poco entrambi finiscono in orfanotrofio. Nel 2011 Rahul, insieme ad Usha, viene adottato da una famiglia di Piombino (LI). Come la sorella anche lui ha problemi a chiamare i genitori adottivi mamma e papà, perché ha paura di essere nuovamente abbandonato. E’ abituato ad infrangere le regole. Nel video di presentazione dice:

Io e mia sorella siamo di Nuova Delhi. Sono qui grazie a lei: quando eravamo piccoli lei lavorava e mi a fatto da mamma. Siamo stati abbandonati da piccoli. Siamo saliti su un treno. Ci sono state delle signore che ci hanno visti, ci hanno aiutato e ci hanno portato in un istituto dove hanno preso tutti e due.

Siamo stati adottati nel 2011. E’ stato proprio dall’avere niente ad avere tutto. Quelle 14 ore ci hanno trasformato la vita.

Ho avuto paura di fidarmi delle persone.

La mamma e il papà dicono:

All’inizio è stato veramente difficile. Rahul doveva prendere coscienza che non l’avremmo mai abbandonato.

Lo definisco il diavolo della Tazmania.

Deve imparare a rispettare le regole.

Usha dice:

Rahul è molto vivace.

Si definisce scrittore. Il suo cibo preferito è la carbonara. E’ fidanzato con Anna. Ama la musica di Tha Supreme.

Rahul Teoli profili social

Su Instagram pubblica selfie (si è fatto il ciuffo rosso!), mentre nelle storie si racconta e risponde alle domande. Il profilo TikTok esiste, ma non lo usa.

What do you think?

0 points
Upvote Downvote

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Usha Teoli

Usha Teoli: tutto quello che devi sapere sulla inseparibile de Il Collegio 5

“Hai saputo che succede in Campania?”, il dissing sul coprifuoco a Napoli esplode su TikTok – ecco il video e il testo