in

Ragazzo lancia estintore dal treno e carica il video su Instagram: “Sarò un mito sui social”. Scatta la denuncia

Sempre più spesso, chi vuole diventare popolare sul web propone contenuti educativi, in cui cerca di mostrare il proprio talento e la propria arte. Tuttavia, c’è ancora qualcuno convinto che per acquisire popolarità sui social sia necessario trasgredire le regole e commettere reati. È il caso di un ragazzo di diciannove anni, che negli scorsi giorni si è distinto per alcune bravate che gli hanno regalato più articoli di giornale che follower.

Dopo che nei mesi scorsi è stato beccato mentre saltava sui tetti di autobus e tram, circa una settimana fa ha avuto la brillante idea di riprendersi con lo smartphone mentre, dalla cabina di guida di un treno, buttava via un estintore ed accendeva un fumogeno. È quanto riportato da Meteoweek e dal quotidiano La Stampa, che hanno riportato l’evento, accaduto a bordo del treno regionale Bardonecchia-Torino. Senza maglietta, a petto nudo, i due sono riusciti ad entrare nello spazio riservato ai guidatori del treno, svuotando senza ritegno il contenuto dell’estintore e lanciando lo strumento lungo i binari. Tutta la scena è stata rigorosamente caricata poi su Instagram, prova concreta della loro responsabilità. 

“Chi chiede i biglietti qua? Chi li chiede? Non me ne frega niente. Anche senza biglietto qua comando io, sono il capitano del treno”, ha urlato il ragazzo dopo aver lanciato il fumogeno, mentre una donna è riuscita ad avvertire le forze dell’ordine, che sono intervenute alla stazione di Torino Porta Nuova. I due ragazzi hanno ricevuto una denuncia per danneggiamento, con il rischio dell’accusa di attentato alla sicurezza dei trasporti. Le denunce si sommano a quelle per procurato allarme e attentato alla pubblica sicurezza dello scorso novembre. All’epoca, agli agenti di polizia del commissariato Barriera, aveva rivelato di voler diventare famoso sui social. A qualsiasi costo…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *