in

“Perché sono gelosi, invidiosi”: com’è nato il tormentone? Ecco il significato e tutta la storia spiegata

Pessina e Barella agli Europei 2021 lanciano un nuovo tormentone: ecco tutta la storia e come è nato in origine

gelosi-invidiosi
Pessina e Barella dopo la vittoria agli Europei 2021

Avrete di sicuro sentito sentito pronunciare almeno una volta, fra Instagram e TikTok, il tormentone “perché sono gelosi, invidiosi” in risposta a frecciatine varie ed eventuali. La frase è diventata virale proprio in questi giorni grazie a Patrizio Morellato e Andrea Fratino che l’hanno utilizzata contro Gianmarco Fabrizi e Giovanni Bonaccini. Il tormentone si è guadagnato persino degli audio lipsync dedicati su TikTok. Ma come è nata questa espressione? Ve lo raccontiamo noi di Webboh!

Partiamo dal momento in cui tutto ha avuto origine: alla fine della partita Italia – Inghilterra e alla luce del trionfo azzurro, i due calciatori della Nazionale Matteo Pessina e Nicolò Barella hanno caricato (particolarmente “presi bene”) una storia per prendersi gioco dei loro avversari agli Europei 2020. Gli inglesi, lo sappiamo bene, si sono dimostrati fin da subito convinti al 100% che la coppa se la sarebbero portata a casa loro, facendoci una testa così con il loro “It’s coming home” . Come è andata a finire, in realtà, lo sappiamo benissimo tutti quanti (e per fortuna!). Ed è stato dunque qui che Pessina, preso in mano il telefono, ha dedicato queste parole ai rivali britannici:

Ma perché, perché non hanno vinto loro? Perché sono gelosi, invidiosi!

Nicolò, che molto probabilmente non aveva idea che avrebbe creato un nuovo trend virale, ha preso ispirazione per l’occasione da uno sketch di Aldo, Giovanni e Giacomo. Lo sketch è estratto dallo show Anplagghed, andato in scena nel 2006. In questa parte dello spettacolo Aldo, Giovanni e Giacomo si trovano insieme a commentare le bizzarre opere di un museo di arte contemporanea, di cui ovviamente non sanno nulla. La frase tormentone nasce da uno sfogo di Aldo contro chi si permette di rovinare le opere d’arte nei musei.

Se sei ignorante tu rimani nella tua mediocrità, ma invece sei invidioso geloso e vieni qua dove comunque ci sono persone che si vogliono evolvere.

[Foto: Instagram]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *