in

Paul Zimmer: il curioso caso del tiktoker che ha provato a cambiare identità diventando Troy Becker

La storia che vi racconteremo oggi su Webboh ha dei tratti che possono vagamente ricordare quelli di Black Mirror. Il suo protagonista è una giovane webstar statunitense di nome Paul Zimmer. O forse Troy Becker, non è molto chiaro!

Ecco il caso del muser Paul Zimmer/Troy Becker

troy becker

Paul Zimmer, nato nel 1995, è stato uno dei pionieri di Musical.ly e uno degli utenti più seguiti in assoluto su questa piattaforma. L’app, come saprete, è stata inglobata di recente dal gigante cinese TikTok, mantenendone però le caratteristiche.

Fino a prima del passaggio, Paul Zimmer poteva vantare oltre 7 milioni di follower, un numero davvero ragguardevole. Poi, però, qualcosa ha iniziato ad incrinarsi.

Zimmer, ad un certo punto, ha suscitato parecchi malumori fra i suoi fan. La webstar aveva infatti promesso ricompense in denaro ai follower che avrebbero condiviso i suoi contenuti caricati sulla piattaforma Livel.ly. Questo gli era costato un hashtag dedicato, #BanPaulZimmer, e un auto esilio da Youtube e da Instagram. Almeno fino ai giorni scorsi.

Lo scorso anno, il titktoker è riapparso con un post presentandosi però con un’identità tutta nuova, quella di Troy Becker. Il fatto curioso è che secondo Paul questo fantomatico “Troy Becker” sarebbe nientepopodimeno che un attore quindicenne “praticamente il suo gemello” che avrebbe preso possesso dei suoi social. Non fosse che Paul Zimmer oggi ha 23 anni.

Il caso, ovviamente, ha lasciato senza parole in molti. Gli “hater” sono infatti convinti che Zimmer abbia tentato con questa mossa il tutto e per tutto per “rimettersi in gioco” sul web dopo la figuraccia.

What do you think?

-1 points
Upvote Downvote

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il Biondo Matty debutta come ospite in televisione (ma sogna di andare da Barbara d’Urso)

Pika Palindromo è stato “licenziato” dalla Webstar Channel? Ecco la verità