in

Panda Boi ha raggiunto un milione di iscritti su Youtube in 3 settimane: come ha fatto? L’abbiamo chiesto a lui!

Un milione di iscritti in tre settimane: è il record di Panda Boi, un ragazzo italiano. Come ci è riuscito? L’abbiamo chiesto a lui!

Sono ufficialmente diventato il canale Youtube italiano più veloce a raggiungere il milione di iscritti della storia. Let’s go, spacchiamo internet“. Con queste parole Panda Boi ha voluto sottolineare il suo record. Effettivamente Federico è riuscito a fare quello che nessun altro prima, almeno in Italia, era riuscito a fare. Solo tre settimane fa il suo canale su Youtube aveva 3mila iscritti. Okey, andava già forte su TikTok con 7 milioni di follower e su Instagram con più di 200mila follower, ma su Youtube passava quasi inosservato.

Ma come ha fatto a raggiungere il milione di iscritti in così poco tempo? Gli abbiamo chiesto qual è il segret. Da quel che ci ha raccontato, Panda Boi ha deciso di puntare sugli Shorts, ovvero i video brevi con cui YT sta provando a fare concorrenza a TikTok. Evidentemente la piattaforma sta spingendo molto gli Shorts, tant’è che in un mese Federico ha totalizzato 500 milioni di views sulla piattaforma. “Un video è andato virale e così ha trascinato tutti gli altri video”. Sul suo canale ci sono video da 18 milioni, 13 milioni, 8 milioni di visualizzazioni. A onor del vero c’è da dire che, come Khaby Lame, anche i suoi contenuti sono fruibili da un pubblico internazionale perché in lingua inglese.

In poco tempo il suo canale è stato verificato direttamente da Youtube e, assieme alle views, anche gli iscritti sono iniziati a salire. Saranno immancabili, per lui, le accuse: “Ti sei comprato gli iscritti”, dirà qualcuno. Lui risponde con grande serenità: “Vi invito a guardare i commenti e le visualizzazioni dei miei video: sarebbe impossibile averne così tante fake. Youtube ha verificato il mio canale e sono entrato nel programma partner“. Insomma, non c’è niente di falso: Panda Boi ha soltanto capito come si può crescere nel 2021 su Youtube. Bravo lui!

[Foto: Youtube]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *