in

OpsVivian, la storia della sua povertà è fake? Tutte le incongruenze, e le sue risposte!

OpsVivian, la sua storia è fake? Tanti dubbi dai colleghi TikToker, ma arriva la replica: ecco incongruenze e risposte. Tutta la storia.

Aggiornamento del 26 aprile – La storia di OpsVivian continua a tenere banco su TikTok. Tantissime persone accusano il creator, seguito da quasi 500mila persone, di aver messo in scena una povertà finta e aver guadagnato grazie alle donazioni dei suoi follower. Le donazioni al momento hanno superato quota 2mila euro, mentre lui da due giorni non pubblica più su TikTok e ha disattivato tutti i commenti. Continua a pubblicare, invece, su Instagram, dove dice: “Continuate a diffendere odio ancora ed ancora vi rendete solo ridicoli. Avete iniziato il cyber-bullo e non vi fermate nemmeno (…) Web toxic. Vedo tanti clown in giro che fanno finta di essere detective. Sento che dicono che hanno denunciato, ma ancora non è arrivato nessuno. Io voglio che arrivi qualcuno così fanno delle vere indagini. State manipolando le persone“.

I primi ad avere dubbi sull’autenticità della sua storia sono stati Stoproby e Vaccapower (che per questo motivo è stata bloccata dal ragazzo). Su TikTok, inoltre, è nato un profilo, sbugiardo_vivian, che ha messo insieme tutte le incongruenze del racconto del tiktoker. Ora andiamo ad analizzare tutte le ultime accuse con le risposte annesse di Vivian.

Ha detto di avere il Cancro e il Covid? Vivian è accusato di aver fatto video (che ora sembrano esser stati rimossi) dove diceva di avere una malattia. In questo video si sente Vivian che dice di pensare di avere il Cancro perché sta perdeno i capelli. Qui dice di essere stato in coma all’ospedale di Rovigo. Qui dice: “Ho finto di avere una malattia per avere follower? Era un altro profilo ciao“. La risposta: “Non so come si possa fingere di avere una malattia, io non ho mai finto. Tempo fa mi sono impanicato perché sono una persona che si impanica. Vivevo una situazione molto brutta“.

La casa. Vivian dice di vivere in una casa di 14 metri quadrati da un po’ di tempo perché non può permettersi di abitare altrove. Come segnalato da Helena (questo video), il soffitto è lo stesso dei video del 2020 ovvero quando faceva video con iPhone 11, Mac Book Pro. La risposta di Vivian. “Ci abito da cinque anni in questa casa. C’è chi è convinto che io abbia una casa di quattro piani ma non è vero“.

La mamma. Vivian dice di avere la mamma malata, con cui dorme per terra. In particolare sostiene che sua madre non riesce a reggersi in piedi (ma in questo video fortunatamente è stabilmente in piedi) e che purtroppo non ci vede quasi più (ma lui stesso dice che la donna guarda fuori dalla finestra sperando un giorno di uscire).

Il fratellastro pazzo. “Dice di essere costantemente in fuga da un fratello pluriomicida che non deve scoprire dove abitano lui e sua madre perché gli vuole fare del male. Sembra già la trama di uno di quei film triller che vedi la sera su Rai2. Effettivamente quale posto migliore per nascondersi se non davanti a tutta TikTok Italia” (questo video). Qui sostiene di avere un fratellastro che assieme ai suoi amici voglia togliergli la vita.

Il lavoro dei genitori. “I miei sono collaboratori della Samsung Italia” (questo video).

L’arrivo dei pacchi. In un vecchio video il creator sosteneva di non riusicre a ricevere pacchi perché “la proprietaria li rimanda indietro”. In realtà, come mostra questo video, Vivian racconta di aver ricevuto un pacco davvero misterioso (“Chissà se è il telefono”). La risposta di Vivian: “Vi do quello che volete: visibilità. Dico e faccio quello che vorreste sentire vediamo dove finite con ciò“.

Gli oggetti di valore. Spesso del passato Vivian ha fatto video con Nintendo Switch, iPhone, iPods, Apple Watch, numerosi telefoni Samsung, maglie di Tommy Hilfiger, e molto altro (si vedono qua). Qui dice di aver comprato 10 Samsung S20 per un costo di 6700 euro. Qui fa vedere numerose carte di credito. Come faceva a possedere queste cose “Non avevi due Switch? Tempo fa sì ma poi le ho vendute per mantener.. (si interrompe)“, ha detto in una live (questo video). La risposta di Vivian: “Una settimana fa io avevo le Nintendo Switch o ero in qualche hotel? Ho aperto la raccolta fondi per chi potesse, non era obbligatorio.

La povertà. Come esempio di povertà il ragazzo racconta di dove usare le ciabatte della madre, perché non ne ha di sue. In un video, però, si vedono ciabatte e calzature maschili.

Non ho mentito su niente. Voi andate nel passato, ma io nel passato non ho aperto una raccolta fondi. Se si faranno delle indagini, come spero, andremo a vedere gli scontrini per capire se quelle cose sono mie oppure no. Sono contento che i grandi influencer non si siano messi in questa storia. E’ tutta una montatura. La richiesta di aiuta è vera ma volevo dimostrare alle persone cosa significa la disinformazione con i video vecchi. Quelle cose non sono mie. Spesso, mi erano state prestate. Non amete chi è povero e chi è in difficoltà: è questa la verità. Siete tutti disinformati. A volte lavoravo, a volte scappavo. Io non ho creato niente di grave e ho la coscienza pulita (…) La maggior parte delle cose erano regalati o prestati per fare video e integrarmi nella società“.

Denuncia per truffa? Alcuni hanno ipotizzato di denunciare Vivian per truffa. Lui ha risposto: “Quale truffa? Le beneficenze sono cose che non si possono denunciare, io non ho forzato nessuno a farlo“. Una utente ha risposto (qui il video): “Si chiama frode, ovvero usare meccanismi e raggiri per far sì che le persone ti aiutino a conseguire un profitto illecito. Mi sembra proprio la descrizione di quel che hai fatto te. Su TikTok esistono ragazzini che cadono facilmente in queste cose“. La risposta di Vivian: “Non si possono denunciare se è tutto vero. I detective di TikTok sono veramente pagliacci. Insulltando chi cerca di dare valori a queste cose. E voi invece screditate tutto“.

I soldi donati, che fine faranno? La speranza è che vengano restituiti a chi li ha donati. Lui dice:”Sto cercando di darli a una bambina che ha tanto bisogno”.

OpsVivian, la storia della sua povertà è fake? Arriva la replica: “Mi prendete di mira per avere hype”

Articolo del 24 aprile – Da poco è stata aperta la raccolta fondi per aiutare OpsVivian, il tiktoker che è diventato virale dopo aver mostrato le condizioni difficili in cui vive e aver raccontato della malattia della madre. Il tiktoker ha ricevuto tanta solidarietà, ma i dubbi non mancano, come vi abbiamo già raccontato su Instagram.

In molti, infatti, hanno evidenziato delle stranezze che emergono fra le sue parole e alcuni video di circa un anno fa. Secondo le sue affermazioni si troverebbe in questa condizione difficile già da diversi anni. Tuttavia lui stesso, in un video di maggio 2020 in cui si mostrava in possesso di cellulari e computer costosi, avrebbe affermato che “con i soldini sto messo bene“.

All’interno della community c’è anche chi si rifiuta di credere siano tutte bugie, sottolineando che la vita di una persona può completamente ribaltarsi nel giro di pochi mesi. La replica del tiktoker non è tardata ad arrivare attraverso Storie su Instagram, sostenendo che, chi parla male della sua situazione, lo fa solo per hype.

Visibilità volete in primis e vi accontenterò così migliaia di persone vedrammo come siete voi. Persone represse, cattive e senza coscienza. Non avete mai ascoltato o visto bene i miei video e criticate e diffamate per avere solo hype da me. Vi possono bastare 12.000 visualizzazione a Storia? Parlo per voi che mi diffamate, così vi regalo un po di visibilità. Siete spregevoli tutti. Non esiste che con il tempo la gente perda tutto e tanto meno esiste la povertà. Avete creato un cyber-bullismo assurdo, attenti ad essere poveri, non bisogna essere sé stessi.

Inoltre il tiktoker ha condiviso alcuni messaggi minatori che in queste ultime ore gli starebbero arrivando in direct, accusando tutti coloro che dubitano di lui di aver creato cyber-bullismo. Infine, OpsVivian ha deciso di mettere privato il suo profilo TikTok.

[Foto: Instagram]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *