in

N-word, cos’è e perché non dovremmo pronunciarla su TikTok? Parla il cantante della canzone della discordia

Ogni tanto su TikTok esplode una polemica legata alla “n-word“. Ci sono “caduti” Virginia Montemaggi, Marta Losito, Giulia Paglianiti e chissà quanti altri. Questo è il fatto: c’è un trend legato alla canzone Reel It In di Aminé, dove a certo punto viene pronunciata la parola “nig*a”. Queste sono le due parti incriminate: “Broke ni*gas got me livin‘” e “It’s that young nig*a shit“. Ogni volta che qualcuno canta questo estratto, esplode la polemica e quasi sempre il tiktoker rimuove il video da TikTok.

Ma cos’è la n-word? E perché non si può dire/cantare? Con questa definizione si intende rappresentare una parola offensiva nei confronti delle persone di colore (“ni*ga” o “neg*o”), che è assolutamente vietata per rispetto nei confronti del prossimo. Tutto qusto nasce dalle forti tensioni razziali tra bianchi e afroamericani di questi ultimi tre secoli. Oggi solo le persone appartenenti alla cultura afroamericana possono utilizzarla, infatti è una parola spesso contenuta nelle loro canzoni o nel loro lessico comune. Per questo è presente all’interno del testo della canzone Reel It In: perché la canta un cantante di colore, Aminé.

Proprio Aminé, il rapper che presta la voce al trend di TikTok, ha fatto sapere che non vuole che i suoi fan bianchi dicano la n-word. “Se non sei nero, non dirlo“, ha detto per chiarire (una volta per tutte) la sua posizione. Quindi, ora dovrebbe esservi chiaro: se siete bianchi, per rispetto, non pronunciate quella parola!

What do you think?

0 points
Upvote Downvote

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

“Lo capite che lui è gay?”. Denis Dosio risponde e fa chiarezza una volta per tutte

Josh Richards e Nessa Barrett si sono lasciati, ora è ufficiale