in

Polemica sulla No Nut November challenge: è un modo per farsi inviare foto provocanti dalle ragazze?

No Nut November Jack Canevali
No Nut November Jack Canevali

Qualche giorno fa vi abbiamo parlato della No Nut November challenge, ovvero la particolare sfida per la quale i ragazzi devono praticare astinenza sessuale per un mese intero. C’è chi, come Jack Canevali, ha segnalato che la NNN sarebbe solo un modo, per alcuni influencer, di farsi mandare foto provocanti dalle proprie follower. Nelle storie Instagram Jack dice:

Sta cosa della “No Nut November” esce ogni anno, ma quest’anno credo sia arrivata ai livelli più stupidi ed inutili della storia. Vedo storie riguardo ovunque, quando è una cagata. Certe challenge sono proprio no sense.

O ancor peggio: certi influencer che fanno le storie apposta proprio per farsi mandare le foto. Tanto poi c’è la scusa pronta: “Eh ma io non ho chiesto niente”. Segreto: inconsciamente ed implicitamente lo stai chiedendo invece.

Dopo aver ricevuto un video di un influencer che chiede alle ragazze di non ricevere foto dove “si toccano e fanno cose”, Jack aggiunge:

Il problema, oltre al fatto di manipolare spudoratamente delle ragazzine, perché alla fine si tratta di ragazzine, è il nascondersi dietro la scusa:”Eh ma io non ho chiesto niente, hanno fatto tutto loro”. No! Si tratta comunque di ragazzine. Voi siete influenti e quindi per farsi notare arrivano pure a questo. Alla fine esplicitamente non lo fate, ma lo chiedete implicitamente. Non è giusto.

In DM Canevali ha ricevuto alcune risposte riguardo la sua denuncia dove si sottolinea che nessuna ragazza è obbligata a inviare le proprie foto:

Ogni ragazza che decide di mandare foto provocanti ad un influencer è consapevole di quello che sta facendo, nessuno la sta obbligando a farlo… io sono la prima a non farlo, ma penso che non ci sia niente di male se loro scelgono di mandare foto del proprio corpo, challenge o meno sono affari loro.

Jack prova a ribadire il concetto: non c’è niente di male nell’inviare le foto. Il problema sono gli influencer che usano subdolamente la propria posizione e popolarità per farsele inviare:

Non c’è niente di male nemmeno a mandarle a persone, non conosciute, non c’è niente di male nel mandare foto in generale.

Ciò che c’è di male e di marcio, sono questi “influencer” che MANIPOLANO in modo IMPLICITO delle ragazzine, provocandole e invogliandole a mandare foto inconsapevolmente in cerca di una minima “attenzione”. Il problema non è il gesto della foto, ma come le determinate persone ci sono arrivate. Lo trovo subdolo.

Un influencer, sentitosi chiamato in causa, ha scritto a Jack:

Le foto di cui stavo parlando erano in intimo, come magari le foto che alcune ragazze postano nelle storie.

Manipolare delle persone? Non posso fare dei complimenti a delle ragazze che mi mandano in maniera privata delle loro foto intime nella mia storia? Non posso fare un complimento spinto a loro? Se le altre “ragazzine come le hai chiamate te” si sentono prese in causa non ci posso fare nulla.

Continuo dicendo che ognuno è capace di pensare con la propria testa, io per primo. Io non trovo nulla di male, come se te non lo avessi mai fatto!

Jack ha pubblicato la replica dell’influencer è ha risposto per l’ultima volta:

Uno dei diretti interessati ha voluto rispondere così. Non faccio nomi, perché non sono in cerca di drama, ma voglio dare la mia risposta pure io:

1) che le foto siano in intimo, col pigiamone o cosa, qui non importa, perché non si parla del gesto, ma dei mezzi usati da te/tanti altri per arrivare ad un obbiettivo ben preciso.

2) Non sono complimenti se poi rispondi con sfide o addirittura pubblichi foto col pacco in bella vista dai pantaloni, se dici “meglio di un p*orno” o “siete meglio di P*rnhub”, sei solo VOLGARE. A quanto pare la galanteria non è il tuo forte.

3) Io no, non ho mai fatto come te. Sì ho ricevuto foto, succede, come ho detto più volte non c’è nulla di male nel farlo, ma c’è di male (e tanto) nell’indurre delle ragazze ad UNA SFIDA per i tuoi scopi, e indirettamente portarle a mandare foto solo per farti “perdere la challenge”.

4) Perché questo è come chiederlo, non in modo esplicito, ma induci a ciò. Molti lo stanno facendo in modo IMPLICITO, come per lavarsi le mani, e così è pure peggio.

Secondo voi chi ha ragione? Alcuni influencer usano la Not Nut Challenge veramente per avere foto provocanti dalle proprie follower oppure Jack Canevali è un malpensante? Se non volete correre rischi vi conviene non inviare foto. Tanto in rete ci sono infinite tentazioni che potrebbero far perdere la sfida a chi ha deciso di provarci.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *