in

Nikocado Avocado, lo youtuber diventato famoso per i mukbang lascia Youtube: “Rischio di morire”

Nikocado Avocado
Nikocado Avocado

A poco più di quattro anni di distanza dal suo primo video e dopo tre anni di video consecutivi pubblicati su YouTube, Nikocado Avocado ha detto basta. Il ventisettenne re americano dei mukbang ha deciso di abbandonare la piattaforma per prendersi cura della sua salute.

A darne è lo stesso Nicholas Perry sui suoi social. I fan inizialmente pensavano fosse solo uno scherzo, ma lo youtuber ha ribadito che la sua scelta è definitiva con un tweet:

I miei Dm in questo momento:
“Non hai mai fatto così tardi”
“Non ti sei mai perso un giorno in tre anni”
“Se non pubblichi non riesco a dormire”

Ragazzi, ieri vi ho detto che ho bisogno di sistemare la mia salute o potrei davvero morire, caxxo! Sono 320 libbre. Ieri è stato il mio ultimo video. Lo penso davvero.

Nikocado Avocado è arrivato a pesare oltre 145 Kg ed effettivamente, nonostante il suo corpo abbia imparato a sopportare le sue sfide culinarie, ha bisogno di fermarsi per non compromettere la sua salute.

Prima di lasciarvi al suo ultimo mukbang ricordiamo brevemente la sua storia: Nicholas ha iniziato a pubblicare video su YouTube nel 2016, quando era ancora soltanto uno youtuber vegano. Nel 2017, dopo aver caricato un video in cui si mostrava in lacrime, decide di reintrodurre alimenti proibiti come carne, pesce, uova e latticini. Successivamente pensa di caricare video dove mangia junk food in quantità industriale. Quella idea lo porta al successo: il suo primo profilo decolla fino a superare oltre 2 milioni di iscritti al canale. Apre anche un secondo profilo che ad oggi conta 440.000 iscritti. Le sue abbuffate, condite da chiacchiere su qualsiasi argomento, dalla droga al sesso, dalla politica alla sua vita privata, intrattengono quotidianamente milioni di persone. Fino al 20 novembre 2020, quando Niko decide di farla finita e di pensare alla salute.

[FOTO: YouTube]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *