Clicca su consenti

per attivare la ricezione delle notifiche relative all’oroscopo di Webboh

in

Niko Pandetta è stato arrestato, il rapper condannato a quattro anni di carcere: cos’è successo?

niko-pandetta-arresto
Niko Pandetta è stato condannato a quattro anno di carcere, ma attualmente non si trova in cella: perché? Ve lo spieghiamo!

Niko Pandetta è stato arrestato. Dopo la condanna, di cui vi abbiamo raccontato alcuni giorni fa (potete recuperare la storia nel dettaglio scorrendo in basso), sono scattate le manette. Il rapper neomelodico è stato arrestato questa mattina a Milano, nel quartiere di Quarto Oggiaro, dopo essersi sottratto all’arresto negli scorsi giorni. Oltre all’accusa di spaccio di stupefacenti, ora dovrebbe aggiungersi anche quella di evasione, perché Niko Pandetta non si sarebbe reso rintracciabile a seguito della condanna.

Una delle ultime testimonianze in video di Niko Pandetta su TikTok? Un filmato in cui il trapper, che con i suoi brani è spesso finito nei trend della piattaforma, annunciava di essere pronto a vivere in carcere, da cui avrebbe continuato a produrre e promuovere la sua musica. Poi altri video in cui canta in bagno e se la prende con “gli invidiosi” che lo seguono. Riuscirà a continuare a fare il trapper neomelodico? Noi continueremo ad aggiornarvi!

Niko Pandetta è stato condannato a quattro anni di carcere, ma ora è in cella? Vi spieghiamo tutto!

Articolo dell’11 ottobre – Sì, è vero che Niko Pandetta è stato condannato a quattro anni di carcere. Dopo Baby Gang e Simba La Rue, un altro esponente della musica trap rischia di finire in manette. Il motivo? Citiamo il giornale LaSicilia per spiegarvelo: “Il reato contestato all’artista è spaccio: a inchiodarlo una serie di intercettazioni della Squadra Mobile di Catania che stavano indagando su un cartello del narcotraffico“. Il nome dell’artista siciliano è solo uno di un lungo elenco di imputati. Per una giusta informazione dobbiamo precisare che si tratta di un episodio di qualche anno fa e non recente.

La Suprema Corte di Cassazione ha confermato (e “reso irrevocabile”) il verdetto della Corte d’Appello che nell’estate 2021 aveva condannato Niko Pandetta a quattro anni di reclusione. Questo cosa vuol dire? Che attualmente Niko, il cantante di “Pistole nella Fendi” e tante altre canzoni, si trova in carcere? No, al momento non è in carcere ma potrebbe andarci a breve.

Il motivo è molto semplice e lo ha spiegato il manager di Niko, Herik, al magazine HipHopTender:

“In Italia ci sono tre gradi di giudizio. Primo, secondo e Cassazione. Lui era stato condannato in secondo grado. Ha fatto ricordo in Cassazione, e la Corte di Cassazione ha confermato questi quattro anni. Prima di entrare in carcere passano altri mesi per un riesame. Noi dobbiamo dimostrare che lui non deve entrare perché sta lavorando e non sta commettendo altri reati. Lo Stato ha interesse a rieducare però non è facile che venga accettato. E’ facoltà autonoma del giudice decidere se entrerà o se magari si potrà fare un percorso tra lavori sociali e affidamento. Comunque è difficile che rimanga fuori dal carcere

E Niko, in tutto questo, cosa dice? Lui si è limitato a pubblicare un post con queste frasi: “Sono abituato agli spazi stretti, alle case piccole, alle celle, alla scena italiana. Quando tornerò là mi porterò il vostro affetto. Da dentro vi darò nuova musica. Uscirò e mi vedrete più forte di prima“.

A quanto pare, Niko è andato a trovare un parente chiuso in carcere, presumibilmente per comunicargli la notizia della condanna in terzo grado. Infatti Niko è il nipote del “boss” catanese Salvatore Cappello, sottoposto al regime speciale di detenzione 41 bis in carcere dal 1993. Per poter accedere, il cantante si è dovuto coprire i tatuaggi.

[Foto: Instagram]