Nicole Husel spara a zero sulle youtuber che ha conosciuto. “Kiss and make up”, evolutasi da poco in Nicole Husel, è una delle beauty guru più seguite di You Tube Italia. A settembre il canale festeggerà ben dieci anni di attività e, per sua stessa ammissione, tra “malate di follower” e “reginette di falsità”, nel corso della sua carriera ne ha viste parecchie.

Ieri è uscito un suo nuovo video dal titolo “Youtuber s*****i che ho conosciuto”.

Dopo una premessa inutile, nella quale Nicole spiega di voler star lontana il più possibile da qualsiasi tipo di social drama (e qui, lasciatemelo dire, la domanda sorge spontanea: allora perché decidi di fare video del genere?), viene precisato che non verranno fatti nomi.

Kiss and Make up, inoltre, intima alle sue follower di non tentare di indovinare a quali youtuber i suoi racconti si possano riferire perché, nella maggior parte dai casi, è praticamente impossibile arrivarci.

Nicole racconta di un mondo falso ed ipocrita dove si viene considerati soltanto allo scattare di un certo numero di iscritti; dove tanto più si appare disponibili e gentili davanti ad una telecamera tanto meno lo si è nella realtà. Tra accuse, pettegolezzi e cattiverie un racconto mi ha particolarmente colpita.

Le accuse di Nicole Husel

A detta di Nicole la youtuber in questione, addirittura, “venderebbe la madre e tutta la sua famiglia per gli iscritti e per i soldi”. Kiss and Make up racconta di questa creator che, parlando di give away, le ha domandato “Ma a te non da fastidio dare i premi a queste st****e!? Io le detesto!” e ancora “Se io guadagnassi così poco cagherei in testa ai miei iscritti!”.

Difficile non pensare a chi possano appartenere queste parole, magari alla nostra make up addicted del cuore, quella di cui non ci perdiamo una storia, che ci fa compagnia nei momenti di noia e che ormai consideriamo un’amica.

Insomma questo affresco del mondo youtubiano non può che lasciarci con l’amaro in bocca e un po’ più guardinghe rispetto a chi ci troviamo dall’altra parte dello schermo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *