in

Nicky Passarella in passato è stata premiata da ben due Presidenti della Repubblica italiana, ecco perché

La tiktoker Nicky Passarella è stata premiata da ben due Presidenti della Repubblica italiana per un dipinto.

Dietro il sorriso, le lentiggini e i capelli rossi di Nicky Passarella c’è un mondo tutto da scoprire. Non solo tiktoker simpatica e divertente. La nostra Nicky è un talento riconosciuto (per ben due volte) anche dai nostri Presidenti della Repubblica. Prima Giorgio Napolitano, poi l’attuale Sergio Mattarella. Ma perché? Ve lo diciamo subito.

Per ben due volte, Nicky Passarella ha vinto il premio “Donne per le donne” istituito dal Ministero dell’Istruzione. All’epoca aveva 13 anni e frequentava la terza media quando è stata invitata al Quirinale per ritirare il premio. Era il 2015. Sul web leggiamo:

“Il tema quest’anno era “Terra è Donna” ed è stato sviluppato dalle due studentesse con un dipinto in cui la donna viene interpretata come donatrice di vita: una mamma con un bambino in grembo, immersa nell’acqua e nella terra. I suoi capelli sono rami, frutti e spighe, il suo abito un prato fiorito. L’opera si intitola “Ritorno all’Origine””.

LaPiazzaWeb

Nicky è stata felicissima del premio conquistato. Aveva detto: “Sono contenta per il lavoro che è stato fatto, e per l’opera che è stata apprezzata, con la mia amica Sofia. Insieme volevamo evidenziare il desiderio di un recupero di semplicità e essenzialità nel ruolo della donna. Per il futuro penso di iscrivermi ad una scuola d’arte, anche se non ho ancora deciso definitivamente. Un grazie va a mia mamma Ester e al papà Simone, che mi hanno tanto incoraggiato in queste due edizioni. Il Presidente Mattarella, come lo era stato Napolitano, è stato gentilissimo con noi“.

Amante dell’arte, è la mamma che le ha trasmesso la passione per la pittura, in quanto pittrice: “Da sempre ho fatto un sacco di lavoretti e disegni e mi piace tanto, disegno tantissimo”. 

[Foto: TikTok]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *