Hanno fatto discutere i giudizi tremendi che il Moige, ovvero il Movimento Italiano Genitori, ha sparato sugli youtuber. Ma in realtà nel “faldone” dei giudizi del Moige c’è anche una lunga lista di nomi “promossi” a pieni volti. Da La Sabri a Luis Sal, ecco chi sono e come sono stati commentati i loro canali.

Pieni voti per i Masa Moltistrumentisti: “Lo stile risulta spontaneo, coinvolgente e mai volgare, adatto a ogni età. Lo scopo dei video è quello di sorprendere e divertire, ma alcuni di questi offrono anche degli spunti educativi”.

Piace molto anche Il Signor Franz: “È un canale positivo che, con un linguaggio ironico – a volte irriverente ma mai volgare – , affronta argomenti molto diversi, con una particolare attenzione anche alle idee dei suoi follower”.

Stessa sorte per Jack Nobile: “Il ragazzo dimostra che attraverso l’impegno e la determinazione si possono ottenere grandi soddisfazioni, che avere una passione può aiutare a superare anche le avversità e che non ci si deve far scoraggiare. Grazie ai suoi filmati, riesce anche ad affrontare temi importanti, come il cyberbullismo e l’importanza dello studio”. La Sabri è promossa:

“Particolarmente significativi sono i filmati in cui la giovane legge e risponde ai messaggi dei followers, che le chiedono consiglio e le raccontano i problemi della loro vita. Lei più volte sottolinea di non essere una psicologa, ma risponde cercando di mettersi nei loro panni

La Cereseto ha analizzato anche problematiche molto delicate, come il cyberbullismo e l’omofobia. “LaSabri” è un canale molto positivo, con un linguaggio adatto ai più giovani e molto vicino alla loro realtà, che tratta argomenti differenti sempre con simpatia e tatto”.

Moige promouove gli youtuber

Anche Luis Sal, che domani pubblicherà la sua canzone, piace ai genitori del Moige:

“A differenza di tanti suoi “colleghi” che si cimentano con i gameplay, Luis Sal li evita e propone, invece, filmati di esercizi fisici, avendo praticato boxe ed essendo un amante della palestra. Salutista convinto e fiero di non aver mai fumato una sigaretta, Luis ha fondato il “Luismo”.

Grazie alla sua simpatia, alla sua spontaneità e al suo carisma, Luis è seguito da bambini, ragazzi e giovani adulti che lo prendono come esempio positivo da seguire. Il “bad boy” non va più di moda: l’alcol, le droghe, il divertimento sfrenato e pieno di eccessi è da considerare roba da perdenti”.

Su Marco Montemagno i commenti sono positivi: “È fondamentalmente un motivatore, ma odia farsi chiamare così. Carismatico, accattivante e ironico, Montemagno riesce a parlare di qualsiasi argomento con uno stile che attrae chiunque lo ascolti.

D’altronde, il suo pallino è la comunicazione. In definitiva, “Monty” è un personaggio che affronta con dovizia temi affascinanti come l’evoluzione e l’innovazione umana e digitale: i suoi video sono fortemente consigliati agli adolescenti e ai giovani adulti che sono interessati a quest’ambito”.

Non solo critiche negative: i promossi “eccellenti”

Nonostante sia un gamer (genere bistrattato da quelli del Moige) piace anche MikeShowSha, aka Federico Betti:

“I suoi video vengono seguiti principalmente da adolescenti appassionati di PlayStation e di tutti i giochi più in voga al momento. MikeShowSha è uno degli youtuber più famosi ed è un vero e proprio guru per i tanti ragazzi che amano i videogames della consolle prodotta dalla Sony;

riesce a divertire e ad attirare i ragazzi con il suo linguaggio spontaneo e chiaro, con il risultato di avere più di 1 milione di visualizzazioni a video. L’unica pecca è il linguaggio utilizzato che potrebbe risultare troppo “schietto”, a volte eccessivo per un pubblico di bambini”.

E che dire di Jakidale? Jacopo D’Alessio piace: “È un canale estremamente interessante per tutti quei ragazzi che si sentono e si definiscono “nerd” (nell’accezione positiva), ovvero persone che hanno passioni e ossessioni per tutto ciò che concerne la tecnologia e il mondo fantastico. Jacopo ha una personalità analitica, ma anche eclettica, come mostrano i suoi gusti musicali ricercati, le serie tv che lo appassionano e i suoi hobby”.

Pieni voti anche per Fraffrog (“Ha un’incredibile capacità comunicativa anche solo attraverso il disegno; la sua versatilità è strabiliante, perché riesce a coniugare perfettamente il canale visivo con quello uditivo senza creare interferenze“) e il fidanzato RichardHTT:

Il canale è positivo e adatto ai più giovani, e fa divertire i suoi followers ma senza usare un linguaggio volgare. Inoltre, grazie ai consigli sulle tecniche di disegno, è anche utile per quel pubblico di ragazzi che vuole coltivare questa passione”.

Altra coppia promossa, quella composta da Stef&Phere: “La valutazione del canale è positiva perché esso tratta molte tematiche in maniera leggera e spontanea, provando a trovare la parte divertente in ogni situazione”.

Moige, chi sono gli altri promossi?

Julia Elle, invece, “ha dato voce a tutte le donne che pensavano di essere le uniche a trovarsi impreparate di fronte al grande compito di essere madre. I video pubblicati sul canale sono pochi, ma ce ne sono diversi altri sulla sua pagina Facebook. In generale, sono adatti a ogni età e possono avere una valenza educativa nel mostrare la maternità e il valore di essere donna”.

Just RoHn (Matteo Colombo) è apprezzato dai genitori: “Rispetto alla maggior parte dei canali dedicati ai videogiochi, il linguaggio usato è raramente volgare e più professionale. Nel complesso, “Just RoHn” è un canale ben fatto e positivo per coloro che sono interessati ai videogiochi e al calcio”.

Il giovane di origine moldava Be Curious (Dumitru Drumea), invece, propone “un canale complessivamente positivo che utilizza un linguaggio adatto ai minori e senza contenuti volgari, in grado di suscitare interesse”.

Daniele Condotta? Da 10 e lode. “L’oggetto principale dei filmati pubblicati dal comico pugliese è la relazione di coppia in tutte le sue contraddizioni e tipicità, esagerate in modo ironico e molto divertente. Non sono presenti messaggi educativi o morali, ma una comicità ben costruita e coinvolgente rivolta ad un pubblico adulto”.

Dragon (Amer Nour): “Si può considerare positivo, sia per i contenuti presentati, interessanti e dinamici e che non danno spazio a videogiochi troppo violenti, sia per le modalità con cui questi sono condivisi, con l’utilizzo di un linguaggio mai volgare, adeguato sia per i più grandi che per i più piccini”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *