in

Una streamer accusa Twitch di averla bannata perché è di origine russa: “Sono nata nel paese sbagliato”

Una streamer russa accusa Twitch di averla bannata per la sua nazionalità. La verità è che non si conosce il motivo!

Mira twitch
Mira twitch

La streamer russa Mira sostiene di essere stata bannata da Twitch a causa della sua nazionalità. E’ veramente così? Sembra improbabile, ma nei prossimi giorni si potrebbe sapere qualche cosa di più. Per ora affidiamoci a Dexerto per ricostruire la vicenda.

Tutto accade qualche ora fa: la streamer russa, che vive negli Stati Uniti, non ha potuto streammare, perché la piattaforma viola ha deciso di darle un ban che potrebbe essere permanente. Mentre sui social molti si chiedono che fine abbia fatto la ragazza, lei decide di andare live su YouTube e di dire come stanno le cose: “Non ho fatto niente di sbagliato. Non l’ho fatto sul fo**uto Instagram, nemmeno sul fo**uto Twitch e nemmeno sulla fo**uta Russia. Sono nata nel Paese sbagliato“.

La streamer è certa di ciò che dice e insiste con il sostenere che la piattaforma abbia cercato un qualsiasi motivo per vietarla, da una nudità accidentale fino ad accusarla di disinformazione in base al nuovo regolamento. Frustrata per l’accaduto la ragazza, che minaccia di abbandonare il mondo dello streaming, si è sfogata anche su Twitter: “Mi hanno bandita da Instagram e da Twitch e isolata dal resto del mondo senza una buona ragione. Essere nata in Russia è davvero penalizzante“.

Come stanno le cose? Nell’ottobre 2021 Mira è già stata bannata da Twitch per la violazione delle linee guida a causa di un nudo accidentale. Il precedente, dunque, esiste. E non è ricollegabile alla sua nazionalità. Ogni situazione, però, è differente. Dunque, la verità è che non si sa. Allora, perché Mira ha incolpato Twitch? C’è chi sostiene che lo pensi veramente e chi suppone che lo faccia per hype. Il suo avvocato assicura che prima o poi lo scoprirà. Bisogna solo aspettare.

[FOTO: Twitter]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.