in

Michelangelo Vizzini, la nuova canzone “Falli parlare” è un inno contro il bullismo – tutti i dettagli

Si intitola Falli Parlare il nuovo singolo di Michelangelo Vizzini. Il creator, che su TikTok conta 760.000 follower, ha annunciato l’uscita della sua nuova canzone, a meno di due mesi dalla pubblicazione di Così forte. Il brano è stato presentato durante la giornata mondiale contro il bullismo e il cyberbullismo, una data significativa per il senso del brano, che si occupa proprio di questi temi.

“Ho scelto questa giornata per comunicarvi l’uscita del mio nuovo singolo Falli parlare. Nella nostra testa rimbombano tutti i giorni parole che ci hanno fatto o non ci stanno facendo stare bene, chi più chi meno. Le parole a volte fanno male più delle botte”, ha scritto nella didascalia dell’anteprima del brano. Il brano è stato realizzato in collaborazione con Bulli Stop, centro nazionale contro il bullismo.

Oltre al video di lancio pubblicato su Instagram, a cui ha partecipato anche l’attore Andrea Verticchio con un intenso monologo sul tema della canzone, Michelangelo Vizzini ha anche pubblicato un TikTok in cui ha parlato della sua esperienza con i bulli:

Una volta un mio amico mi ha detto che ero talmente secco da fare impressione. Mi ha fatto restare davvero male, così ho iniziato ad allenarmi. Nonostante mi allenassi sempre non vedevo molti cambiamenti, e continuava a commentare il mio fisico disgustato.

Tanto lo so che poi le cose cambiano“, ha cantato Michelangelo, mostrando i risultati della sua trasformazione fisica, motivo di orgoglio e di rivalsa su chi lo ha preso in giro quando era più piccolo. Ma quando uscirà Falli parlare? Ancora non è nota la data, mentre nel frattempo è uscita la #FalliParlareChallenge, contro ogni atto di violenza. Ecco il testo dell’anteprima:

Tanto lo so che appena entro poi ridono
E l’astuccio poi me lo distruggono
E mi sporcano il giacchetto che mi piace tanto
Ma che metto sempre anche quando non c’è vento
Tanto lo so che certe cose poi cambiano

Foto: Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *