in

Mauro Rossiello choc: “Favorevole alla n-word nelle canzoni” – scatta la polemica, ecco perché

Mauro Rossiello torna a far parlare di sé. Il tiktoker, che conta 300.000 follower, in un box domande su Instagram intitolato pro o contro? ha voluto rispondere ad una domanda riguardo all’uso della n-word in una canzone.

Molto spesso, infatti, scattano gli over party su TikTok, quando qualche creator non nero utilizza “la parola con la n”, scatenando non poche polemiche. Il motivo per il quale la parola va censurata ve lo abbiamo spiegato qui, ma Mauro Rossiello sembra pensarla in maniera diversa.

“Direi la n-word n una canzone. Sinceramente sì, se la cantano evidentemente non è una parola così grave”, ha rivelato nella Storia Mauro Rossiello, confessando il proprio pensiero su una delle polemiche più accese del web.

Mauro Rossiello favorevole alla n-word, ecco cos’ha detto

Inoltre, secondo lui, l’uso della n-word dovrebbe dipendere anche dal contesto e la frase in cui si dovrebbe dire. “Dipende anche dal contesto e la frase con cui lo dici, alcuni miei amici nig*a sono contenti se li chiamo nig*a“, il messaggio finale, che ha destato la rabbia di Naomi Akano, una collega influencer.

Naomi Akano ha dissato Mauro Rossiello, sottolineando che lui come altri non può determinare cosa sia meglio o peggio. “Deve starsene zitto e basta perché lui non è nero“, ha scritto Naomi, che parla da ragazza nera. La creator si è scagliata contro Mauro anche per quanto riguarda il tema dell’aborto, per il quale si è detto contrario:

Un uomo non deve metter bocca sull’argomento ABORTO, perché non è il suo corpo e non lo riguarda.

Che ne pensate di queste affermazioni?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *