in

Matteo Romano pubblica il video di Testa e Croce in versione acustica – guardalo in esclusiva su Webboh

Matteo Romano ha pubblicato su Vevo la versione acustica di Testa e Croce, il brano che gli ha permesso di accedere al Festival di Sanremo 2022.

Matteo Romano Testa e Croce video versione acustica
Matteo Romano Testa e Croce video versione acustica

Uscirà domani su Vevo il video della versione acustica di Testa e Croce, la canzone che ha permesso a Matteo Romano di conquistare uno dei tre posti disponibili messi a disposizione a Sanremo Giovani per partecipare tra pochi giorni al Festival di Sanremo 2022! Dopo il video ufficiale girato sulla spiaggia di Tarquinia, Matteo ci regala una versione più intima e profonda, facendosi accompagnare solo da una chitarra e un pianoforte. Oggi potete vederlo in esclusiva su WEBBOH.

La canzone, scritta dall’artista insieme a Federica Abbate e prodotta da Katoo, racconta in maniera precisa ciò che chiunque può aver provato almeno una volta nella vita, quando ci si trova davanti alla rottura con la persona amata. Il cantante ha spiegato:

Testa e Croce racconta di una esperienza personale, di quando ci rendiamo conto di volerci allontanare da una persona che non ti fa bene anche se provi ancora qualcosa. Nel brano dico “Siamo testa e croce allo stesso modo” per cristallizzare quel momento in cui ci si rende conto che non riusciamo più a trovarci, a capirci.

Prima di lasciarvi al video della canzone, vi ricordiamo che Matteo Romano sarà in gara al Festival dal primo febbraio con il brano Virale. In bocca al lupo.

Testa e croce: testo e video

Di seguito trovate il video e al testo di Testa e croce, così da poter cantare il brano insieme a lui, senza perdersi una parola o un’emozione.

Tutto ciò che ho da dire ho detto
Tutto ciò che davvero ho fatto
Guardo sempre il muro distratto
E non penso che
Tu sarai nel locale fatto
Gli occhi persi in quelli di un altro
Ma lo sguardo ancora un po perso
A pensare a me
E mi ricordo le tue dita mentre sfogliano le pagine di un libro

Che non so neanche dove ho messo
E ti ricordi quella volta insieme in macchina
La mia canzone preferita forse sai ancora qual è
Fingo, non ci penso
Se mi chiedi mento
Ti guardo mentre ridi anche se non conviene
In fondo non è guerra, è una rivoluzione
Fisso un punto fermo
Se mi tocchi ho solo paura di perder la presa e di cedere

Di sentirmi dire di nuovo
Che siamo testa e croce allo stesso modo
E alla fine è vero hai ragione
Tutto ciò che ho da dire ho detto
Tutto ciò che davvero ho fatto
E se ripenso a quella volta ti parlavo
Ma che strano, eri distratto
Se me lo chiedi non vengo più a bere
Anche se vado via vuoi rimanere
Ormai, lo sai, non c’è più nessun film da vedere

Niente che ci lega insieme
Fingo, non ci penso
Se mi chiedi mento
Ti guardo mentre ridi anche se non conviene
In fondo non è guerra, è una rivoluzione
Fisso un punto fermo
Se mi tocchi ho solo paura di perder la presa e di cedere
Di sentirmi dire di nuovo
Che siamo testa e croce allo stesso modo
E alla fine è vero hai ragione

Alla fine è meglio
Forse hai ragione tu
Un po’ mi manchi ma lo metto dentro, un peso in meno
Abbiamo dato il meglio
Il peggio un po’ di più
Sta notte dormirò lo stesso anche se hai ragione tu

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *