in

Marta Losito spiega come è nata la storia della “guerriera”

Marta Losito
Marta Losito

“Io sono un guerriero, veglio quando è notte”, canta Marco Mengoni in una delle sue canzoni più famose. E se in radio spettano a lui lance e coltelli, sui social italiani c’è un’altra guerriera che fa spesso parlare di sé: Marta Losito, che con orgoglio si definisce tale, sfidando hater e malelingue.

Vi sarà capitato di leggere qualche commento a una delle regine di TikTok Italia, che faceva riferimento a lei come “guerriera“, spesso come presa in giro. Ma come è nata la storia di Marta Losito e della “guerriera”? Durante una Live su Instagram insieme al fidanzato Gianmarco Rottaro, la ragazza ha ricordato il momento esatto in cui gli hater hanno iniziato ad insistere a chiamarla così:

È nato tutto da un post che ho messo ad ottobre per il compleanno e ho scritto “piccola grande guerriera”. Era una frase retorica, una sorta di metafora. Penso che ognuno di noi sia un piccolo guerriero della propria vita, che lotta per le cose che ama. Letteralmente sono una guerriera, uh! Voglio l’armatura rosa!

La foto a cui fa riferimento Marta è una pubblicata lo scorso 6 ottobre per celebrare il sedicesimo compleanno. “Prometto a me stessa la felicità. Tanti auguri a questa piccola grande guerriera, +16″, il commento allo scatto, che conta quasi 400.000 like.

Anche Gianmarco Rottaro ha voluto dire la sua circa le prese in giro rivolte alla fidanzata. “Che ne sapete cosa ha passato della vita se vuole definirsi guerriera?“, ha domandato in chiave retorica agli spettatori della diretta. Che poi è proprio così. Nella vita, e quindi anche sui social, bisogna essere per davvero guerrieri, che il colpo di spada è sempre dietro l’angolo…

What do you think?

-1 points
Upvote Downvote

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Beatrice Cossu

Beatrice Cossu difende la sorellina dall’attacco di una hater: “Ti rendi conto di quanto fai schifo?”

LaDivaDelTubo

LaDivaDelTubo scredita definitivamente Follettina (e il maritozzo): “Ho fatto peggio per molto meno quindi è normale”