in

Lovely Peaches, l’FBI toglie all’hater di Charli D’Amelio la custodia della figlia: ecco cos’è successo

Lovely Peaches
Lovely Peaches

Qualcuno lo chiamerebbe karma, qualcun altro semplicemente giustizia: Lovely Peaches ha perso la custodia di sua figlia Cora a causa dei video di minacce nei confronti di Charli d’Amelio (e non solo). Andiamo con ordine e ricostruiamo la vicenda.

A inizio luglio Brittany ‘Lovely Peaches’ Johnson si è trovata sotto i riflettori a causa delle continue minacce perpetrate nei confronti di Charli D’Amelio. Per questo motivo le persone hanno notato anche altri video, quelli che avevano come vittima sua figlia Cora. In alcuni video Brittany spiegava come abusava di Cora, in altri raccontava come l’avrebbe uccisa..

Inizialmente le autorità avevano deciso di assegnare la bimba di meno di un anno ai genitori della Johnson. Tuttavia, il 26 luglio, la donna era nuovamente in compagnia della piccola, come se nulla fosse.

Pochi giorni dopo, in seguito a proteste che sono diventate virali grazie ai social media, l’FBI ha aperto un’indagine ufficiale.

Il 6 agosto Children’s Riot ha annunciato che Cora è salva e che non sarà mai restituita alla sua madre biologica.

Successivamente è arrivata la conferma da The Salvation Foundation:

Le autorità hanno tolto definitivamente Cora alla donna. Per ora è al sicuro e non è più con lei.

Attualmente la stessa fondazione sta lavorando per far cancellare la presenza della Johnson da tutti i social media. Il suo account Instagram, con oltre un milione di follower è già stato rimosso da Internet. Lo stesso è accaduto a quello di TikTok. Al momento le è rimasto solo YouTube.

Candle in a Dark Room, intanto, ha rilanciato la notizia:

L’FBI ha assicurato che Lovely Peaches non avrà più la possibilità di ferire Cora o altri bambini. E’ stata perseguita e pagherà per quello che ha fatto.

Lovely Peaches cambierà pur di riabbracciare sua figlia o ormai è troppo tardi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *