in

Lili Reinhart, disavventura in Italia: un controllore l’ha invitata a scendere dal treno! Ecco com’è andata a finire

Lili Reinhart, conosciuta per il ruolo di “Betty” in Riverdale, è stata invitata a scendere dal treno che la stava portando da Venezia a Roma. La disavventura ha avuto un lieto fine!

Lili Reinhart
Lili Reinhart

Lili Reinhart, celebre Betty Cooper dell’amatissima serie “Riverdale” è stata protagonista di una bizzarra disavventura accaduta proprio qui in Italia. Pare che l’attrice non si fosse informata sulle regole sanitarie che vigono nel nostro Paese e ciò le stava per costare un viaggio e tutto ciò che ne avrebbe conseguito. Ma cosa è successo esattamente e com’è andata a finire la storia? Ecco tutti i dettagli!

Per comprendere appieno l’accaduto, dobbiamo fare un passo indietro a qualche settimana fa, o meglio, a quando è iniziato il Festival di Venezia. La famosissima mostra del cinema ha ospitato, come ogni anno, personaggi famosi (e anche tantissimə influencer) da tutte le parti del mondo. Tra loro c’era anche Lili Reinhart che, dopo aver camminato sul Red Carpet, ha deciso di cogliere la palla al balzo e visitare l’Italia come una turista qualsiasi. Dopo aver preso parte alla cerimonia, quindi, lei ed una sua amica hanno preso un treno diretto per Roma.

Qui capita l’imprevisto: proprio mentre si dirigevano nella Capitale Lili ha quasi rischiato di essere “buttata fuori” dal treno. L’attrice, infatti, non indossava e non possedeva la mascherina che, ricordiamo, è ancora obbligatoria su tutti i mezzi pubblici. Quando il controllore ha chiarito che senza una FFP2 lei e la sua amica non potevano stare sul treno, sono state invitate a scendere. Dopo aver preso le loro cose, un ragazzo molto gentilmente si è offerto di regalargliele in modo che potessero continuare il viaggio. Un bello spavento per le due ragazze che per poco non sono rimaste nel bel mezzo del nulla! Insomma tutto bene quel che finisce bene!

[FOTO: Instagram]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.