in

Lele Pons ha pensato al suicidio: “I commenti d’odio ti portano a mettere in discussione anche se sei degno di vivere”

Lele Pons
Lele Pons

Nella docuserie The Secret Life of Lele Pons la ventitreenne star del web ha rivelato che il costante odio online per il suo essere latina le ha fatto venire dei pensieri suicidi.

E’ fastidioso leggere sempre gli stessi commenti, tipo che non ho abbastanza talento, che non sono divertente, che non sono carina, non sono questo, non sono quello, e che in tutto ciò che faccio uso il mio essere Latina per ottenere popolarità.

Non mi piace che le persone mi odino perché sono orgogliosa di essere ciò che sono. Perché dovrebbe essere così negativo per me il fatto di amarmi per ciò che sono? Amare di essere Latina?

L’unica cosa che i miei genitori mi hanno insegnato è di non dimenticarmi mai chi sono e da dove vengo. E la gente ci scherza e non capisce che mi fanno male.

Lele Pons, visibilmente provata, ha aggiunto:

Quando è diventato tutto così crudele? La gente mi odia. E’ difficile, è così difficile ed estenuante il fatto che qualsiasi cosa faccia, possono passare anche 10 anni che faccio tutto bene, ma non basta: ci saranno sempre perché che saranno cattive con me senza motivo.

La conseguenza di tanto odio immotivato ha portato la youtuber alla dichiarazione shock che abbiamo scritto in apertura:

Sai cosa? A volte, e questo è vero, vorresti solo addormentarti e, non so come dire, a volte mi spengo e vorrei solo farla finita. Lascia che ti dica una cosa: ho avuto pensieri suicidi perché non posso continuare a prendere odio. Il fatto è che quando hai così tanti commenti di un certo tipo inizi a crederli e poi inizi a mettere in discussione anche se sei degno persino di vivere.

A frenare Lele Pons da un simile atto è il pensare alla famiglia:

Ogni volta che penso di fare qualcosa di male a me stessa penso ai miei due cugini. Non voglio deluderli, perché siamo tutto ciò che abbiamo l’un l’altro. Ad esempio, dopo che le nostre mamma se sono andate io ho loro e loro hanno me.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *