in

Kenzie Ziegler, accusata di blackface, chiede scusa: ecco cosa è successo

Kenzie Ziegler chiede scusa per gli errori fatti in passato. Quali? Probabilmente la blackface e aver pronunciato la N-Word.

Kenzie Blackface
Kenzie Blackface

Kenzie Ziegler è conosciuta per aver partecipato insieme alla sorella Maddie al reality Dance Moms. Giovedì 8 aprile, la sedicenne ha condiviso un Instagram Story che ha colpito tutti. Infatti la ragazza esprimeva il suo pentimento per delle decisioni prese in precedenza e che hanno causato dolore. Il messaggio però non menzionava quali fossero queste decisioni.

Mi pento sinceramente del dolore che posso aver causato date le mie decisioni di quando ero più giovane. Non ci sono scuse per questo, io sto continuando a imparare e a crescere così che gli errori in passato non si ripetano. Grazie per aver capito che le mie azioni di tanti anni fa non rappresentino chi sia io oggi. Una parte del diventare grandi è essere più consci di sè stessi. Io sto provando a educare me stessa e a pensare prima di agire

Ma dunque, perchè Kenzie ha dovuto scusarsi? Abbiamo indagato per voi.

Sono comparse infatti, grazie agli utenti di Twitter e alla pagina Instagram Teaontok, delle fotografie e dei video della ballerina mentre faceva della blackface. La foto però pare risalire a molti anni prima, quando Kenzie era ancora molto giovane. Questo non rende il tutto meno offensivo o grave, come sottolineano i commenti sotto la foto.

Non solo: è anche comparso un video in cui Kenzie e la sua amica Kendall Vertes cantavano una canzone, dicendo la N-word e scoppiando poi a ridere.

Tutto ciò ha fatto infuriare il mondo del web, allibito dal comportamento della ragazza. Anche perché questa non è la prima volta che Kenzie si difende da accuse di razzismo. Ad Agosto 2020 ha partecipato a una live in cui reagiva a dei suoi vecchi video in cui faceva delle battute contro la black-community. La ragazza però aveva commentato: ”Non sono razzista. Anzi non lo appoggerò mai.”

[FOTO: Teaontok]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *