in

Che cos’ha fatto Joele Fabiani (lil.peepa)? Il caso del ragazzo diventa virale, ma era tutto fake: tutta la spiegazione!

Che cos’è successo a Joele Fabiani, Lil.peepa su TikTok? I suoi video vanno virali, il caos scoppia, ma era solo un esperimento sociale!

“Webboh, ma cos’è successo a Joele Fabiani?”. Questa è stata la domanda che tanti di voi ci hanno posto nelle ultime ore in DM su Instagram e TikTok. Noi, come sempre facciamo per casi che risultano poco chiari, abbiamo aspettato e indagato prima di scrivere o diffondere informazioni inesatte. È bastato infatti un video in cui Joele – sui social lil.peepa – spariva all’improvviso dalla telecamera del telefono, per innescare una serie di dubbi. Una serie infinita a catena di fake news che hanno alimentato un vero e proprio esperimento sociale, che il creator ha illustrato negli scorsi minuti. Andiamo con ordine.

Il primo video dell’intero caso è questo qui, potete vederlo cliccando sul link. Joele che sparisce senza dare spiegazioni, che al contrario alcuni utenti hanno cercato di dare, senza alcuna prova o fonte verificata:

Le basi erano semplici, caricare un video no sense in cui sarei sparito con migliaia di commenti indignati senza motivo. È bastato un solo commento per innescare l’effetto domino. Una persona ha chiesto cosa avessi fatto e ha ricevuto una risposta strana: “Ha ucci*o il suo gatto”. Da qui parte tutto. La mia community ha continuato a fare leva su questa cosa che io non ho mai fatto e sono nati centinaia di video sulla faccenda, che TikTok ha mandato virali. Joele Fabiani era il termine più ricercato su TikTok e in tendenza.

Nel video di spiegazioni Joele ha poi aggiunto di aver alimentato il caso misterioso, indossando una camicia bianca in un TikTok successivo, rispondendo a chi nei commenti gli aveva chiesto di farlo per lanciare un messaggio subliminale. Non solo, ha inserito in descrizione un codice binario, che tradotto dava il termine “zaino”, quasi a far capire che nel suo zaino ci fosse qualcosa di strano nascosto. “Nessuno capiva cosa avessi fatto“, ha rivelato il ragazzo, che ha poi chiesto la collaborazione anche di altri colleghi per rendere la storia ancora più credibile.

Un esperimento sociale sfuggito di mano. “Vi rendete conto di quanto è facile che un’informazione vada del tutto fuori controllo su un social? Basta avere una piccola community a supporto per diffondere tutto quello che vuoi“, il commento finale di Joele Fabiani, che con il suo caso ha voluto fare luce su questo tema molto spinoso!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.