in

L’influencer italo-cinese Jingherly parla del Coronavirus: “Sono stati gli americani a fare qualcosa” – la sua teoria

Jingherly è una creator italo-cinese. Classe 1999, è nata in Italia nonostante abbia il papà cinese. A tutti gli effetti, quindi, è una cittadina italiana. Eppure anche lei sta subendo atti discriminatori a causa del Coronavirus che, partito dalla Cina, sta spaventando tutto il mondo. “Una signora mi ha guardato malissimo. Mi dispiace molto. Sono nata in Italia e non sono io la creatrice del virus. Sono italiana anche se ho la faccia cinese. Mi dispiace, alcuni italiani sono veramente ignoranti (…) Questo virus non si combatte insultando i cinesi. Non si combatte non andando nei ristoranti cinesi, andandoci a sputare in treno. Questo è bullismo“, ha detto.

L’influencer è molto seguita sui social (ha 450mila followers su TikTok, 200mila su Instagram e molti altri su Youtube) e proprio lì in questi giorni sta parlando del Coronavirus che sta spaventando tutto il mondo. La ragazza è complottista: secondo lei, dietro tutto questo casini, c’è l’America. Ecco cos’ha dichiarato:

“Essendo italo-cinese e avendo abbastanza seguito vi devo parlare del Coronavirus. Io sono una fonte attendibile perché ho contatti con la Cina. La situazione è greve ma non così greve come la stanno facendo vedere i telegiornali (…) Il virus è venuto fuori dal pipistrello e dal serpente. Secondo la mia teoria sono stati gli americani a fare qualcosa. Magari con qualche soluzione hanno infettato il pipistrello che questa si è magnata”.

Su Instagram ha aggiunto:

“Ci vuole rispetto per le persone che sono morte. Sì, è colpa di questa tradizione che loro non ritengono sbagliata di mangiare i pipistrelli o altri tipi di carne. Però non andate contro tutti i cinesi. E’ una cosa ridiola e ignorante. Mi sono fatta la mia teoria, che è un po’ strana da dire (…) Secondo me stanno succedendo un botto di cose e la stanno mettendo tutti in cattiva luce. C’è uno Stato che sta facendo qualcosa. Un pipistrello non può essere malato dal nulla, così, capito?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *